800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Valbelluna – lanciato il nuovo brand territoriale

per proteggere e valorizzare la Valbelluna

Valbelluna – lanciato il nuovo brand territoriale

per proteggere e valorizzare la Valbelluna

È stato presentato sabato 28 ottobre, in occasione dell’apertura dello stand dell’Associazione culturale Veses ad Arredamont, il nuovo marchio Valbelluna, progettato per valorizzare le eccellenze culturali e turistiche del territorio.

Le origini
L’idea di un brand territoriale per promuovere la Valbelluna è partita ancora nel 2016. Da una prima indagine era emerso come una realtà imprenditoriale coreana avesse acquistato il dominio Valbelluna.com in un’ottica di mercato, proprio prevedendo un trend di crescita delle ricerche relative al territorio. «È Interessante notare – spiega Luciano Dal Molin, presidente dell’Associazione – come all’estero ci sia estrema attenzione alle Dolomiti e nello specifico alla Valbelluna e come invece chi ci vive spesso sottovaluti l’immensa bellezza in cui è immerso».

«Negli anni abbiamo continuato a lavorare per riappropriarci di questo dominio finché siamo riusciti a riacquistarlo a un costo importante ma ragionevole nel 2022. Nel frattempo abbiamo dato vita, in collaborazione con lo studio di marketing INK LABS STUDIOS LTD, con sede in Scozia a Edimburgo, al logo Valbelluna».

Il logo
Si tratta di un logo dinamico composto dalla scritta Valbelluna, il cui profilo superiore vuole sintetizza in modo estremamente moderno e stilizzato il profilo frastagliato delle Dolomiti Bellunesi, e da alcune forme geometriche in una palette di colori tipici della nostra “Valle Splendente”: vivaci tonalità di verde, di azzurro/blu, e toni che richiamano il caratteristico colore delle Dolomiti. Queste forme si possono comporre in maniera diversa e creativa a formare icone rappresentative di paesaggi o di concetti diversi a seconda dell’utilizzo e del contesto. Diventa così un elemento vivo, dinamico, che muta in base alle esigenze pur mantenendo il suo stile e la sua identità.

La registrazione del marchio
Una volta pronto, il marchio è stato registrato dall’Associazione Culturale Veses: «Ci sembrava strano che nessuno l’avesse fatto prima e, con questo gesto, abbiamo voluto proteggere la vallata da un eventuale privato che potesse registrare un marchio per uso speculativo: soprattutto in vista dell’arrivo delle Olimpiadi invernali del 2026, ci è sembrato un gesto doveroso e di buon senso. L’intento non è quello di sostituirsi al brand “Dolomiti Bellunesi – the Mountains of Venice”, ma di mantenere le specificità della parte bassa della provincia, che è molto diversa dalla parte alta soprattutto nel profilo di “turista tipo” che attrae», prosegue Dal Molin.

I 25 anni di attività dell’Associazione in Valbelluna hanno creato una chiara immagine dell’identità del territorio che, attraverso la rivista “il Veses”, ogni mese ci impegnamo a promuovere.

«Vogliamo collaborare con tutti gli enti ufficiali che già lavorano per la promozione del territorio (Provincia, DMO, Consorzi Turistici, etc), portando i nostri 25 anni di presenza e promozione della Valbelluna, includendo anche le Associazioni che da anni lavorano, ognuna nella propria zona. Ecco perché, appena ottenuta la registrazione del marchio, lo abbiamo subito presentato in Provincia, alla DMO e al Consorzio Turistico Dolomiti Prealpi e, assieme a questi ultimi, siamo anche stati presso la Regione del Veneto per presentare l’iniziativa raccogliendo il plauso dell’istituzione, poiché la strada dei marchi territoriali è proprio la soluzione che la Regione richiede».
Perché è necessario un
marchio territoriale?
Il brand “Dolomiti Bellunesi – The Mountains of Venice” ha rappresentato un primo, importantissimo passo per la promozione del Bellunese. È certamente molto efficace nell’evidenziare gli aspetti ad alta vocazione turistica, tipici della zona alta della provincia di Belluno. Sia nel logo che nel payoff, pone l’accento sulle montagne e sul loro stretto legame con la città di Venezia. Si tratta di un marchio creato attorno alla montagna che, essendo un elemento distintivo del Bellunese, si presta bene a fare da «cappello» a tutto il territorio.

Tuttavia, le caratteristiche della parte alta della provincia e quelle della Valbelluna sono molto diverse, sia in in termini di vocazione turistica, sia in termini di attrattività. Se Cortina, ad esempio è caratterizzata da imponenti e maestosi scenari alpini, la Valbelluna offre un paesaggio diverso, con valli, fiumi, laghi, colline, borghi storici… il tutto in un ambiente tipicalmente pre-alpino. Ecco perché le terre alte attraggono un turismo quasi “agonistico”, mentre la nostra valle è più adatta ad un turismo slow. Anche la ricettività è molto diversa: in Valbelluna non ci sono strutture o resort di lusso, l’offerta è più dedicata al turista che cerca un’esperienza genuina, più che comoda e lussuosa. Insomma, parliamo di un “turista tipo” molto diverso che, quindi, ha bisogno di una comunicazione dedicata ai suoi gusti ed ai suoi ritmi. Ecco perché nelle regioni limitrofe come il Trentino ed il Friuli, tanto per fare un esempio, i marchi territoriali sono una prassi ormai consolidata.

LE PROSSIME INIZIATIVE
L’Associazione ha cominciato con l’aprire le pagine Valbelluna nei vari social network, pubblicando contenuti di valorizzazione del territorio. L’idea è di far conoscere il nostro ambiente sia dentro che fuori la provincia, descrivendone scorci, animali, piante, attività sportive e culturali da svolgere, etc. Siamo sicuri che quest’azione, svolta con costanza, nel tempo contribuirà a creare maggior consapevolezza di quanto la Valbelluna abbia da offrire a chi la abita; inoltre attirerà sicuramente l’occhio e la curiosità di qualche potenziale visitatore. Specialmente se, con il tempo, riusciremo anche a sponsorizzare questi contenuti in modo da farli arrivare a un pubblico più ampio rispetto a quello organico.
Nel frattempo, con calma perché vogliamo ricordare ancora una volta che siamo un’associazione di volontariato, stiamo lavorando al sito internet www.valbelluna.com che verrà aperto nei prossimi mesi. A parte questo, il programma di attività è già molto ricco e prevede tavole rotonde con istituzioni, associazioni di categoria e associazioni no profit come la nostra; abbiamo inoltre in cantiere la pubblicazione di un libro di ricette per valorizzare i prodotti tipici bellunesi entro Natale 2023. Le novità però non finiscono qui perché in primavera 2024 uscirà una guida, realizzata in collaborazione con FIAB Belluno con oltre 40 percorsi per scoprire la Valbelluna in bicicletta. Questo è solo l’inizio. L’attenzione che il pubblico ci sta riservando dopo la presentazione del marchio e le tante proposte di collaborazione spontanee che ci stanno arrivando ci fanno pensare che il biennio 2024-2026 sarà così ricco di iniziative che ci sarà davvero da divertirsi!!! Chiunque fosse interessato al progetto può richiedere informazioni o aderire inviando una mail a info@ilveses.com

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.