800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Spiriti in libertà

il murale di Bellotto arricchisce Carve

Spiriti in libertà

il murale di Bellotto arricchisce Carve

È stata svelata sabato 25 maggio l’opera che Marco Bellotto ha realizzato a Carve sulla parete dell’ex scuola elementare, oggi sede del circolo Auser “Il Sole” di Mel. Un pannello di 150 x 250 cm sovrapposto ad un murales che lo stesso artista aveva dipinto nel 1999 con i bambini della scuola elementare, col passare del tempo però rovinatosi.

A sostenere il progetto, una solida sinergia tra Auser di Mel e Carve Viva. Associazione culturale, quest’ultima, che da anni, con la direzione artistica del pittore Walter Bernardi, promuove l’iniziativa “I muri di Carve raccontano…”, volta ad arricchire la frazione con murales, donando alle sue abitazioni un pregevole tocco d’arte. «Questo è il decimo. Qualche mese fa ho proposto al consiglio dell’Auser di intervenire su quest’opera: ha aderito con entusiasmo», ha ricordato Ivano Da Canal, presidente del sodalizio. «Il murales era molto usurato e necessitava di essere sostituito.
Era stato realizzato ancora nel 1999 da Bellotto con gli alunni della scuola elementare. E allo stesso maestro è stato affidato l’incarico di creare questo pannello. Una creazione terminata qualche giorno fa dopo circa 150 ore di lavoro. L’auspicio è ora arrivare ad almeno 15 murales, in modo da creare un percorso attorno al paese. Perciò, se qualche volontario dà questa disponibilità, Carve Viva ben volentieri dà un contributo alle spese».

Quindi il momento più atteso: Da Canal e l’assessore uscente Monica Frapporti hanno tolto il velo all’opera. Dopodiché, parola all’artista per illustrare idea e significato di “Spiriti in libertà”. «Visto che questa è la sede dell’Auser, ho pensato di fare qualcosa di allegro come gli anziani che attualmente la vivono. Spero, perlomeno con i colori, di esserci riuscito», ha messo in luce Bellotto. «La maggior parte delle figure sono ispirate alla spiritualità dell’arte africana. Un sogno oltre la vita reale. Ringrazio per questa opportunità l’Auser e Carve Viva: che possano fare da esempio contaminante per tante altre associazioni».

Un impegno, quello di queste due realtà, rimarcato anche da Frapporti: «L’Auser di Mel è una potenza, per tutte le attività che porta avanti per la comunità, specie per le persone più deboli.
Adesso con il trasferimento a Carve, insieme a Carve Viva penso che davvero possa portare avanti progetti interessanti. Quanto all’opera, mi colpisce l’aspetto spirituale. Nella nostra società pensiamo molto al corpo e al lavoro, ma poco alla spiritualità. Quindi grazie a Marco Bellotto per aver scelto questo messaggio».

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

30/06/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”