800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Segni di devozione

Le chiesette di San Gregorio nelle Alpi

Segni di devozione

Le chiesette di San Gregorio nelle Alpi

Prima di entrare in Val scura, è d’obbligo la sosta per visitare la chiesetta di San Felice pittoresca, anche perché accoglie un dipinto, sulla parete destra, raffigurante “Pisocco da Paderno” che partì per le crociate. Scendendo si trova la chiesetta di Roncoi dedicata ai Santi patroni Pietro e Paolo; scendendo ancora, e girando sulla strada provinciale verso sinistra, la chiesetta di Saltoi dedicata a Sant’Antonio (quello “del porsel”). Duecento metri più avanti, nella frazione di Carazzai, quella dedicata al culto di Santa Caterina, e a Paderno la chiesa dedicata San Lucano.

Due sono ad Alconis e, ancora, scendendo e fermandosi a Cort, se ne trova un’altra dedicata a Santa Lucia. Tornando a San Gregorio nelle Alpi, ecco la chiesa parrocchiale con la gran pala d’altare di “Moretto da Brescia”. Poi, scendendo alla frazione di Muiach, c’è la chiesetta dedicata alla natività di Nostro Signore. Se poi, girando a sinistra, ci si inoltra fino alla frazione di Fumach, si trova un’altra sorpresa: una chiesetta con gli affreschi dell’ultima cena con, sulla tavola, i gamberi rossi di fiume. Proseguendo, si arriva a Caiada, dove si venera San Biagio; scendendo ancora finalmente a Velos, la prima frazione di San Gregorio per chi sale da Santa Giustina. Una particolarità di Velos è che è forse uno dei pochi luoghi ad ospitare un capitello dedicato alla Madonna. Ma quando c’è la devozione, la chiesa può essere grande o piccola, non importa; ci si ritrova sempre, perché é un atto silenzioso. È il culto dei praticanti, dei fedeli, che rende sacro un tempio o un capitello o una chiesa frazionale per quanto piccola.

Senza contare poi che il rivedersi lega ancora di più un’amicizia, magari ritrovata dopo tanto tempo.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.