800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Robar co l’ocio

Al canton dei bekanòt

Robar co l’ocio

Al canton dei bekanòt

Ghe ne an modo de dir tel dialeto dela Valbeluna, ma che penso che al ghe sie anca in italian, che al me ha sempre fat na zerta impresion: “Robar co l’ocio!”. Ovvero, tradotto: “Guarda con attenzione le mani, i gesti, i movimenti, l’arte di quelli che hanno esperienza e mettili in memoria, non dimenticarli mai più, ti potranno servire”. Si inserisce appena prima della frase proverbiale “Impara l’arte e mettila da parte”. Trovo che “Robar co l’ocio” sia una frase più intrigante e più efficace di quella in italiano. Molto spesso la frase era abbinata a “Su co le rece!”, ovvero “Stai molto attento!”.

Quando che se era boce, se usea ndar a far qualche laoret, finì le scole fora par l’istà, giusto par ciapar qualche scheo par torse an gelato, dugar al flipper, pagarse na meda bicicleta o ciorse an motorin de quarta man! Chi che ndea te na falegnameria, chi che fea al manoval, chi che ghe iutea an idraulico o an elettricista. Qualchedun ncora al ndea “a past co le vache” cioè in una malga in qualche alpeggio a badare alle mucche e ad aiutare il mandriano.

Me ricorde che quel l’an dovee ndar a far al manoval ten cantier poc distante da casa mea e me pare al me ha dit, intant che ndee de corsa do par le scale: “Sta atento a no farte mal, fa pulito e roba co l’ocio!”. Che impresion che l me ha fat: mi dovee robàr? Ma erelo segur de quel che al disea? Dopo ho capì. Ho capì che i murador no i era proprio delicati nell’arte dell’insegnamento e dirigevano il manovale con scariche de sacramenti, santi e madone che de pedagogico no i avea proprio n gran che! E alora ho imparà a… robar co l’ocio! Dopo ho laorà ten forno a far al pan, po ghe stee drio a me nono co l fea i so mistieri drio le bestie, co al taiea le legne, co le metea via, vardee me mama co la fea da magnar. E ogni olta che vedee qualchedun che fea qualche laoret, insoma, robee co l’ocio. E quante olte che me ha servì, quante olte quele ociade, quasi fate de scondiòn, le me e tornade in mente.

E pense ai tosat del di de incoi. Cossa robeli co i so oci? Come che se inpiza an computer? Come che se manda na mail? Come che se usa i social? Pol eser, certo che serve! Ma utu meter? Utu meter che gusto saver piantar an ciodo e sentir al rumor del marter che l va do dret, preciso, net. Saver meter su la polenta, saver dontar doi cavi eletrici, saver trapanar, saver cambiar an rubinet… basta. Se capis che son de na’ltra generazion!

Ma dopo quel che avon pasà, e no avon ancora finì de pasàr, avaron bisogn de gente che abia robà co i oci, ma co i oci dell’anima: certo, ghe sarà bisogn de tosat che co i so telefonin i mande messagi a tutti. Ghe sarà bisogn de quei che dopera al computer par progetar, disegnar e far i conti. Avaron bisogn anca de muradori che fae su de novo le nostre identità, avaròn bisogn de eletricisti che coleghe i fii (fili) dei nostri ricordi, avaròn bisogn de falegnami che piale via al dolor de la malatia, dela soferenza, dela mort. Avaròn bisogn de coghi (cuochi) che cusine e conserve i nostri ricordi. Avaròn bisogn de pastori che ala sera, co vien scur e fret, i sapie portarne a quert. Se avon robà co i “oci del’anima” noi sti laori savòn farli tuti! Bona primavera!

Galleria Immagini

Hai bisogno di noi? Chiamaci al Numero Verde 800 038 499

Aut. del Trib. di Belluno n. 17 del 24.11.2000. Direttore Responsabile: Federico Brancaleone. Sede Legale: via Pulliere 19 Santa Giustina – Redazione: via Gron, 43 – 32037 Sospirolo (BL) – ITALY. 

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.