800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Riflessioni d’acqua, impressioni di roccia

inaugurata la mostra a Palazzo delle Contesse a Mel

Riflessioni d’acqua, impressioni di roccia

inaugurata la mostra a Palazzo delle Contesse a Mel

Inaugurata il 20 ottobre al Palazzo delle Contesse di Mel di Borgo Valbelluna la mostra “Riflessioni d’acqua, impressioni di roccia” che ospita oltre 60 opere di una ventina di artisti veneti, italiani e internazionali che hanno contraddistinto l’arte pittorica tra il 1700 e il 2000; tema centrale della rassegna, l’acqua, con l’obiettivo di far riflettere attraverso l’arte sull’uso delle risorse naturali e sui cambiamenti climatici.

La mostra attraversa quindi tre secoli di pittura seguendo il fil rouge dell’acqua e della roccia: spazio alle opere settecentesche di artisti come Luca Carlevarijs, Francesco Guardi o Sebastiano Ricci, all’800 di Luigi Ciardi, Pietro Fragiacomo o Luigi Nono, per arrivare al ‘900 – grande protagonista dell’iniziativa – con tra gli altri Emilio Vedova, Giorgio De Chirico o Tancredi Parmeggiani. A promuovere l’iniziativa, l’associazione Artdolomites e il Comune di Borgo Valbelluna.

Una mostra che porta alla disponibilità del grande pubblico opere di collezioni private che altrimenti sarebbero impossibili da ammirare come spiega per Artdolomites Debora Lotto. Il progetto “Riflessioni d’acqua” è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Borgo Valbelluna per sollecitare le riflessioni sul tema idrico, in particolare sulla scarsità di questa risorsa: «Arte e cultura in questo caso lanciano un messaggio di sensibilizzazione ambientale e di valorizzazione dei beni di cui il nostro territorio è ricco» commenta il sindaco di Borgo Valbelluna, Stefano Cesa. A patrocinare la mostra, la Regione Veneto e la Provincia di Belluno; presenti il consigliere regionale Giovanni Puppato e il presidente Roberto Padrin, che afferma: «Soprattutto in questo momento, la nostra provincia ha bisogno di arte e cultura, in particolar modo quando diventa occasione e momento di riflessione.»

La rassegna resterà aperta a Palazzo delle Contesse fino al 21 gennaio 2024; gli orari per le visite sono il venerdì dalle 14.30 alle 18.30, il sabato e la domenica anche al mattino (dalle 9.00 alle 12.00). Già programmate alcune aperture straordinarie, tutte con orario pomeridiano: il 1° novembre, Natale, Santo Stefano e il giorno di Capodanno 2024. Per gruppi organizzati e scolaresche c’è anche possibilità di visita nei giorni e negli orari di chiusura della mostra, contattando l’associazione a prenotazioni@artdolomites.it o via WhatsApp al 3290706878.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.