800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Ridisegnare la bussola educativa

gli effetti del trauma pandemico nei bambini e nei ragazzi

Ridisegnare la bussola educativa

gli effetti del trauma pandemico nei bambini e nei ragazzi

Inedita è stata la situazione in cui ci siamo trovati a fine 2019, quando l’OMS ha definito “pandemia” il Covid-19. Cosa ha significato per i bambini e per i ragazzi l’evento traumatico che divide la loro esistenza tra un prima Covid-19 e un dopo?

I segnali del disagio di bambini e ragazzi lo abbiamo visto tutti. I dati forniti dalla società di pediatria e neuropsichiatria sono chiari, così come quelli della scuola, delle difficoltà familiari. Sappiamo tutti cosa producono nella mente e nella vita dei bambini le esperienze traumatiche, quelle che sembrano affondate ma continuamente irrompono nel quotidiano.
La ricerca-intervento dei gruppi “Parola di bambino” è partita, in tante città italiane, da questo interrogativo con l’intento di sapere cosa stia accadendo ai bambini che crescono in relazione ad adulti spaventati essi stessi dalla morte causata da un virus sconosciuto.

Disarmati di fronte a questi cambiamenti, educatori, docenti, insegnanti, genitori hanno provato a fare qualcosa di diverso: non a chiedersi soltanto “come stanno i nostri bambini e ragazzi?”, ma a scavare nell’inadeguatezza che il disagio dei nostri figli, nipoti, studenti, ospiti di comunità, genera in noi. Si sono messi in cerchio, condividendo impressioni, sensazioni, pensieri che raccontavano il disagio, non solo degli adulti educatori ma, attraverso di loro, anche da bambini e ragazzi.

Il libro “Ridisegnare la bussola educativa” (Edizioni La Meridiana, ottobre 2022), scritto a più mani dai coordinatori dei singoli gruppi, curato da Marcella de Pra e Paola Scalari, è uno strumento, un nuovo atlante da utilizzare per orientarsi in un mondo che, profondamente scosso dagli eventi, ha provocato la rottura della continuità nella costruzione identitaria e creato nell’età evolutiva uno spazio vuoto dove la mancanza di socialità ha reso fragile lo sviluppo della personalità.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.