800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Protezione Civile di Santa Giustina

alle prese con i corsi di addestramento

Protezione Civile di Santa Giustina

alle prese con i corsi di addestramento

All’assemblea della Protezione civile si è respirato in un clima di forte auto stima e consapevolezza dei valori messi a disposizione del territorio e della cittadinanza; quella di Santa Giustina è davvero una squadra molto affiatata e motivata, capitanata dalla grande generosità del presidente Gianluigi Viezzer (Giangi per gli amici). Nel 2023 sono state lavorate 4.700 ore operative e 1.032 ore di segreteria e gestione Un gruppo formato da una cinquantina di volontari, tra i più efficienti in Valbelluna, che consta al proprio interno anche una professionale squadra antincendio.

CORSI DI SICUREZZA
Uno dei punti delicati toccati durante l’assemblea riguarda l’addestramento per la sicurezza per i nuovi iscritti: corsi, giustamente obbligatori, richiesti per coloro che si approcciano a tale servizio; il corso base, previsto dalla Regione del Veneto, è di 44 ore di formazione. Un pacchetto ore che è molto impegnativo in termini di tempo e che di fatto ostacola il reclutamento di nuovi adepti. Se è pur sacrosanto per un operatore di Pc essere formato, i dirigenti stanno dialogando con la Regione affinché le sessioni di addestramento siano “assorbite” come consumo ore nel corso base.

Un ostacolo ancora più delicato riguarda i corsi per gli operatori senior, anch’essi soggetti all’obbligatorietà. È un passaggio estremamente delicato perché è molto possibile che si possano perdere volontari magari anche di lunga data e già di per sé molto esperti. Anche per questa categoria si sta cercando di dialogare con la Regione affinché possano essere accettati addestramenti basati su un numero minore di ore.

Le varie sezioni hanno inoltrato una proposta di sanatoria a tutti gli volontari operanti prima del 2014/15 con un aggiornamento di 4 ore di corso e, a quelli iscritti dopo il 2014, un corso di 16 + 4 ore, ritenuto congruo soprattutto dagli specialisti formatori. Alla data attuale si è in attesa che la Regione si pronunci in merito.

In ogni caso la dirigenza della Pc è fortemente allineata con le direttive regionali e i corsi di aggiornamento sulla sicurezza verranno fatti a tutti, nel rispetto delle direttive. Il responsabile della sezione di Pc Ana Feltre, Giorgio Bottegal, ha spiegato inoltre che il livello di formazione è molto alto.

PROGRAMMI
Al netto di eventuali emergenze, che potrebbero impegnare improvvisamente, il programma è molto intenso. Oltre ai corsi di aggiornamento uso della motosega, sono già pianificati l’esercitazione zonale, esercitazione multi rischio, la pulizia dell’alveo del Veses che si ripeterà da maggio ad ottobre almeno 4/5 volte; la pulizia dei sentieri del monte Palmar con abbattimento delle piante malate; ci sarà inoltre un arresto dell’abbattimento delle piante infestanti del bosco avanzante, per scongiurare la proliferazione del bostrico.

PROBLEMA ABBATTIMENTO PIANTE
Un problema di carattere sociale riguarda l’abbattimento dei frassini malati in località Prior. Purtroppo sono piante che si stanno seccando in piedi e le radici fragili possono procurare schianti improvvisi con grave pregiudizio all’incolumità delle persone. Purtroppo questi tipi di intervento della Pc sono già stati bersaglio di critiche sui social. Considerato che si dovranno giocoforza abbattere le piante pericolanti, il presidente si impegnerà a dare una giusta e doverosa spiegazione alla comunità.

Ci permettiamo di aggiungere che nessuno vuole arbitrariamente recare dei danni ambientali al patrimonio boschivo, piuttosto evitare i rischi conseguenti.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/05/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”