800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Premio d’autunno

Dedicato a Berto Ceol, ed assegnato a Espedito Pagnussat

Premio d’autunno

Dedicato a Berto Ceol, ed assegnato a Espedito Pagnussat

Va ad Espedito Pagnussat di San Gregorio nelle Alpi il riconoscimento “Premio d’autunno in memoria di Berto Ceol”, alla sua prima edizione. L’idea del premio è dell’associazione sospirolese “Amici di Flores da Cunha” in stretta collaborazione con la famiglia di Berto, che ha coinvolto altre associazioni dei comuni di Sospirolo (Pro loco “Monti del Sole”, Asd Sospirolese, Veterani del calcio) e di San Gregorio nelle Alpi (Gruppo Alpini Paderno, Gruppo sportivo Paderno, Donatori del sangue sezione di Paderno).

Nel ricordo di “Berto”
Obiettivo il ricordo di Roberto Fedele Ceol, Berto per gli amici delle comunità sospirolese e di quella sangregoriese, in particolare di Paderno dove risiedeva. Scomparso il 12 aprile 2020, Berto era nato a Cavalese, dove il padre lavorava. Già a 14 anni è in Germania, dove intraprende la carriera di gelatiere. Imprenditore nel campo della ristorazione, ha gestito negli anni 80 anche l’albergo “Rosolin” di Sospirolo prima di tornare in Germania. Qui le associazioni coinvolte lo hanno voluto ricordare come volontario; con esse si è distinto in particolare per la sua competenza e professionalità nel campo della gastronomia.

Il premio era destinato a singoli, gruppi o associazioni, che si fossero distinti nel campo del volontariato per impegno sociale, azioni di altruismo e di solidarietà, spendendosi a favore della comunità oppure a coloro che avessero favorito la conservazione e la conoscenza delle tradizioni, della storia, della cultura, dell’arte o impegnati nei campi dell’imprenditoria, della vita pubblica, dell’associazionismo, dello sport. Il premiato doveva operare all’interno dei comuni di Sospirolo e di San Gregorio nelle Alpi.

Il premiato
A proporre il nome, entro fine settembre, sono state proprio le associazioni unanimi nel scegliere il nome di Espedito Pagnussat. Il motivo è che egli ha “saputo esprimere in maniera veramente esemplare il proprio impegno nel volontariato ed in ambito civile a favore della comunità sangregoriese. Impegno che si è protratto per diversi decenni”.
Dopo aver ricoperto per diversi anni la carica di vicepresidente della Pro loco di San Gregorio, dal 1980 e per oltre 40 anni ne è stato il presidente. Prima segretario, dal 2001 al 2018 è stato presidente provinciale dell’Unpli Belluno. Per diversi anni è stato segretario del Consorzio Pro loco Pedemontane “Val Belluna”. Il suo impegno nelle Pro loco è stato riconosciuto a livello regionale, nel 2020, con l’assegnazione del titolo di Consigliere onorario delle Pro loco venete. Per anni nel direttivo del Gruppo Alpini “ Generale Nasci” di San Gregorio e nel direttivo della sezione “Ana” di Feltre. In ambito politico, è stato consigliere ed assessore nell’Amministrazione comunale di San Gregorio e consigliere ed assessore in Comunità montana feltrina.

La cerimonia
Alla cerimonia, svoltasi il 29 ottobre a Sospirolo e condotta da Michela Da Canal e Angela Lotto, lo ha ricordato l’amico e presidente degli “Amici di Flores” Gabriele Galletti, unitamente agli altri rappresentanti dei sodalizi. Hanno allietato l’emozionante cerimonia le letture di Lucia Mezzacasa, la bellissima voce di Nena Trentin, le musiche di Lorenzo Dalla Rosa e Marco Renon, la veste grafica curata da Alessia Lovat. Hanno portato il saluto don Giacomo Mazzorana, parroco di Paderno, e Angelo Paganin per l’associazione “Bellunesi nel mondo”. Il riconoscimento è consitito in un manufatto artistico e in un premio in denaro, quest’ultimo a favore dell’associazione rappresentata dal premiato.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.