800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Poaréto al dialèto

dialèto poarét

Poaréto al dialèto

dialèto poarét

Ciao a tuti, co te ha da scriver, una dele robe pì importanti da far l’ e al titolo. Al titolo al dis già tut.
Quel che ho mes mi sta olta l‘ha già tut dentro. Se tel varda ben l’e diviso in doi toc da n punto. Al primo toc l’e “Poareto al dialeto”. Nel senso che l me fa pecà: sempre manco dent (gente) lo parla e sopratuto lo parla pulito (e mi son un de quei). An parlar (na lingua) la nasse, la vive cambiando, e anca la pol morir (varda al latino).

I dialeti i ha dentro tante robe ligade al posto dove che te vive, al mestieri che te fa, ale impreste (utensili) che te usa.
Par esempio, se zerte impreste no te le usa pì, mor anca le parole tacade ale impreste. Se zerti modi de dir i par massa da contadin (con rispetto de tuti i contadin), e ti te se un che ha studià (con rispeto de tuti quei che ha studià e i e contadin lo stes), non te par bel… parlar come n contadin.

E alora, a mi al dialeto al me fa pecà parché l’e drio sparir, mes là ten canton, ribandonà (abbandonato) da quasi tuti. Epur, quando che te se in compagnia ogni tant vien fora na parola che no te conosea, che no te te ricordea pì… «Ah, che bel!», «…vera, lo disea anca me nono…», e dopo finida, morta là…

Al secondo toc del titolo l’e ligà al primo: “Dialeto poaret”. Manco parole che l’ha n dialeto pì poaret al l’è, manco robe te ghe riva a dir. E alora toca ciaparle dall’italian e te i ultimi tempi parfin dall’inglese. Resta la cadenza, te i nativi dela Valbeluna te la sent fora par zento mur (come che i disea na olta)…

Na olta qualche an fa ho scrit te sto giornal che sarie bel far an museo dei “gesti perduti”. Se podarie far anca quel dele parole in dialeto: no libri… parole, scrite su par an mur. Lederle, capirle e “far muci” (stare in silenzio). Fe pulito.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/07/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”