800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Onore ai caduti di Nassirya

Presentato il libro sull’Arma dei Carabinieri

Onore ai caduti di Nassirya

Presentato il libro sull’Arma dei Carabinieri

Un momento solenne e sentito dalla comunità quello dello scorso 12 novembre, che ha visto, in occasione del ventennale dai fatti, la commemorazione dei caduti di Nassiriya nella piazza della frazione di Ignan presso la stele dedicata.

Oltre al parroco di Meano che ha dedicato loro una preghiera, erano presenti autorità civili e militari e varie associazioni d’arma, tra cui l’associazione Carabinieri in congedo di Santa Giustina, promotrice dell’iniziativa. Terminata la cerimonia, presso la sede dell’associazione, si è svolta la presentazione del libro “L’Arma dei Carabinieri a Santa Giustina: storia e luoghi dal 1880 al 2023”.

Erano le 8.40 italiane del 12 novembre 2003 quando le due palazzine in cui risiedeva il contingente italiano che faceva parte dell’operazione “Antica Babilonia” vennero sventrate dall’esplosione di un camion cisterna carico di esplosivo, provocando il conseguente scoppio del deposito munizioni e la morte di 12 carabinieri, 5 militari dell’esercito e 2 civili. Erano in Iraq per mandato del Parlamento e avevano impegnato il loro spirito di servizio per aiutare il popolo iracheno nella difficile strada verso la pace, l’ordine, la sicurezza e la democrazia.

«La piazza di Ignan, con questa stele, progetto condiviso che corona un lavoro ed una importante collaborazione fra l’A.N.C. e l’Amministrazione Comunale, è diventata il luogo in questo angolo di paese dove ricordare quegli uomini, valorosi commilitoni mossi dai più alti valori solidaristici, e tutti i caduti italiani coinvolti nelle missioni di pace, affinché resti ben saldo nelle nostre menti il senso del loro impegno, del loro valore e degli ideali di libertà, solidarietà e democrazia che le loro azioni rappresentano», è stato ricordato alla cerimonia.

Il libro, presentato per l’occasione, è nato invece per onorare il trentennale della Sezione di Santa Giustina; sono stati raccolti i principali avvenimenti che hanno segnato la vita associativa, illustrandone le dinamiche e ricordandone i protagonisti. Promotore dell’opera è stato Franco Ladini, con un grande lavoro in particolare dei soci Gianfranco Sacchet, Fernando Napoli e Luca Bellus. Una Sezione in forze che, come ha ricordato il presidente Ruggero Ferdinelli, conta 123 soci e al cui interno è stato costituito il Nucleo Operativo di Volontariato e il Nucleo antincendio.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.