800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Non andare via

Un film sulla emigrazione bellunese in Svizzera

Non andare via

Un film sulla emigrazione bellunese in Svizzera

È il 2017 quando un gruppo informale di amici realizza il docufilm sull’an de la fan dal titolo “Mani straniere sulla città di Belluno”. Nel gennaio del 2021 quello stesso gruppo di persone, nel frattempo costituitosi nella Compagnia del Piave, si è messo nuovamente in gioco scegliendo di raccontare l’emigrazione in Svizzera e, in particolare, il poco conosciuto dramma dei cosiddetti “bambini nascosti”. Ne è nato il lungometraggio dal titolo “Non andare via” (2024), con regia di Giorgio Cassiadoro, aiuto-regia di Mauro Dalle Feste, soggetto di Cinzia Cassiadoro e sceneggiatura di Daniela Emmi. Da menzionare, inoltre, la colonna sonora realizzata da Carlo De Battista e Maurizio Olivotto.

Il film narra la storia di una famiglia che, a seguito del disastro del Vajont, sceglie di lasciare Longarone alla volta della Svizzera in cerca di un’opportunità per ripartire. Una volta qui, viene a contatto con una dura realtà fatta di sacrifici, pregiudizi e duri vincoli legislativi, ma è anche testimone di sorprendenti gesti di altruismo e complicità.

La presentazione del film si è tenuta in due serate di successo al Cinema Italia di Belluno (22 e 28 febbraio). Straordinaria la risposta del pubblico, che nelle vicende narrate ha potuto riconoscere quelle vissute dai propri cari.

Molte altre proiezioni si sono già tenute e si terranno in provincia: la Compagnia del Piave è disponibile a portare il film laddove qualcuno lo desiderasse, anche nelle scuole o all’interno di manifestazioni. Per informazioni in merito è possibile contattare il 389 2715057.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/05/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”