800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

‘Na Onta e ‘Na Ponta

far stajon

‘Na Onta e ‘Na Ponta

far stajon

C

o’ te riva a na età come la mea, senza olérlo te gnen quasi spontaneo far confronti col passà. Dirìe che l’é an vizio quasi natural. Son romai a fin del’istà, le ferie le é più o meno fenìde e le scole le riprende pian pian al so ritmo. 

Na òlta co’ ere bocia, o mejo quasi giovinoto, quando che te tornèa a scola i argomenti pì spontanei i era al contarse dove e come che te avèa passà l’istà. “Mi ho fat doi mesi al manoval co’ la impresa de Tizio!”, “Mi invezhe pena fenì la scola a giugno, son stat ciolt da na officina qua vesin!”, “Mi son ndat a panocéte con Frescura da Briban!”, “Mi ho fat setanta dì in malga!”, “Mi invezhe ho broà su piati nte na pension su in Trentin!”, “Mi ho laorà a casa tuta l’istà tra fien e bestie!”. Questi i pì tropi discorsi fra tosat dai quatòrdese ai disdòto ani.

Le tosate invezhe le se confrontèa de pì sul ndé che le avea fat stajon. Chi a San Vito, chi a Cortina, chi a Livinallongo e altre in Cadore. “Mi sto an ho fat sala e ho ciapà anca diverse mance!”, “Mi ho fat camere co’ la fìa dela parona!”, “Mi ho laorà in cusina co’ na coga anziana che la me olèa an ben che ghe ho improméss che vae a trovarla co’ la coriera!”. Qualcheduna che studièa segretaria o ragioniera la se impieghèa nten uficio de qualche impresa nostrana.

Insoma, tosat o tose che stea a casa soa co’ le man de bant, ntei ani setanta/otanta, no ghen’era. E al bel al’era che, specie i mas-ci, i vanzhèa comunque temp par al Piave, le sagre, la montagna e anca par dar na man a descargar an car de fien dopo laoro. 

Le tosate in stajon, fora dai oci dei soi, ala sera fenì al turno le vanzhèa temp par ndar fin in centro paese ndé che le laorèa, a magnarse al gelato circondade da qualche moscon de turno che co’ ‘l calt de stagion ghe fèa giostra intorno. Tant al’é che le stajon ale olte le ha prodoto matrimoni e fameje!

E cossìta, ntei cortivi de scola, tuti se-se contèa orgogliosi ste esperienze confidandose sotovoce anca quant che te avèa ciapà! Mai sentì nessun che disèsse: “Al prossimo an stae a casa!”. Era cossì. An poc i toi che te pendèa fora de casa e an poc ti stesso te fèa quel che tuti i to coetanei i fèa: stajon!

Quanti cartéi e anunci che lède in sti ani fora dei esercizi publici o ntei giornai! “Cercasi cameriera, cercasi barista, baby sitter, meccanico, lava piatti, commessa!” …

Tosat, giovani, tose, giovinoti, signorine, le pì bèle esperienze da dòveni, crede che le sia state proprio quele de ndar a far stajon. Domandéghe ale vostre mame o mèjo ai òstri noni! I ghe confermerà. I ricordi dei primi moross, dele laorade, del’imparar a oltarse atorno, dele piandeste parché no te rivèa a far ben i lèt, la manualità, le osservazhion dela parona o del vècio mecanico. Sementi pregiate de crescita, de maturità, de responsabilità.

Me perméte. An invito che riva da ‘n veciòt che a dodese ani come tanti altri l’era bèlche a far la so stajon (adèss, giustamente, crede che ghen serve almanco quindese). Tose e tosat da ferma, prové al prossimo an a far na esperienza de ‘n mese o mèjo doi e ndar a passar n’istà “sot paron”. No l’é ne na roba umiliante, ne an privarse dela libertà, ne tantomeno an pèrder l’istà. Vedaré che oltre che a ciapàrghe qualcossa, faré na esperienza che no desmentegheré pì par tuta la vita. Fusse anca na esperienza dificoltosa o de fadiga. Ghen beneficerie tant anca i nostri paesi de turismo che de personal i ghen’ha bisogn come fusse ossigeno!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.