800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

‘Na onta e ‘na ponta

Guèra

‘Na onta e ‘na ponta

Guèra

Senti che pace! Scambiatevi un segno di pace. Asséme in pace! Dai che fon la pace. Sentarse in pace. Ère là in santa pace… In pace con Dio e coi òmi. Quante espression conzhade co’ la parola “pace” che ne ha insegnà e ne insegna la vita. E ogni una la ha entro no’ tant na roba acquisida ma pitost de continua ricerca. L’é come l’educazion, al galateo, al senso civico; l’é cioè condizion che no’ ne dà madre natura ma stili de vita che son “costreti” a imparar man man che se créss. Tute robe necessarie par no dir indispensabili se volon viver in comunità tra persone civili e par an bene comune.

Che rajonamenti dificili e che dificili che le é ste materie! Decisamente pì facili da seguir l’é i istinti de cui ne ha dotà madre natura. Tra questi al pì rognoso da controlar e da debelar l’é de segur l’egoismo. Son tuti dotadi e ben armadi de sta rogna che ognun se porta drio fin dal concepimento. No l’é mea colpa nostra-no; l’é la natura che ha disposto cossì. E sto sentimento innato al se manifesta de continuo ma specie quando che no te ha le facoltà par controlarlo. I pupét o i tosatèi i ol sempre tut par lori fintanto che con pazienza i gnen istruidi. Anca da anziani purtropo, specie quando che al rajonar no l’é pì cossì limpido, se tende senza olérlo a ricascar ntel medesimo tamài.

L’é proprio l’egoismo che fa sì che a sto mondo continuone a combinarghen de tuti i colori. E al pèdo l’é che continuon a crear solche danni! E no ghe n’é rimedio. L’antagonista a sta forma de pestilenza sarìa proprio la pace intesa in tute le so forme. Par, però, che sta pace la reste na semplice utopia ala quale anelar o ténder, parché proprio noi umani no ghe la fon! L’é dai tempi de marco-caco o mejo da Adamo ed Eva che ghe provon ma… no ghe la fon.

Mi ho quasi sessantasète ani e ho vivest an spazio storico fra i pì intensi da sempre. Ho sentì me noni contarme le vicende dela prima guèra, dela fam, dela “Spagnola”; ho avù me papà e diversi me zii che ha partecipà ala seconda guèra; avon studià testi de storia e lèt libri de scrittori, anca protagonisti, che conta de tut su quel che ha portà le guère del ventesimo secolo. Storie e situazion che conosson ben tuti quanti. E che le conoss ancora mejo l’é i capi de quele nazion che ha vivest tragedie con milioni de tosàt doveni e civili morti, oltre che ai disastri e ale distruzion. In sti ultimi ani ne é rivà entro par le coste anca an cin de pandemia Covid, proprio quando che se credèa de esser deventadi onnipotenti! E adèss? Adèss é drio suceder quel che da quando che esiste l’òn su sta tèra, l’é sempre sucèss: far guèra!

Se trata solche de farsen na reson. Senza guèra no podon star e no ghe la fon a viver. Par l’òn la é come l’osigeno. E no centra gnint se son ntel ventunesimo secolo, o coi Longobardi, o coi Romani, o coi Fenici o coi primitivi; far guèra bisogna!! L’avèe an poc intuì da tant ma la conferma la me é rivada in sti mesi. Se dopo quel che ne ha mostrà le doi guère passade no son ancora in grado de derimer o gestir le diversità e l’unica maniera che conosson l’é solche la guèra quela coi canòi, vol dir che l’é proprio an bisogn innato e natural. L’egoismo, dopo migliaia de ani de esperienza umana, al comanda ancora in pieno. La pace? La è sempre là ma no come realtà ma come, se no proprio utopia, come continua ricerca e speranza. Massa pessimista? Par intant…speron ben!

Galleria Immagini

Hai bisogno di noi? Chiamaci al Numero Verde 800 038 499

Aut. del Trib. di Belluno n. 17 del 24.11.2000. Direttore Responsabile: Federico Brancaleone. Sede Legale: via Pulliere, 19 – 32035 Santa Giustina (BL) – Redazione: via degli Emigranti, 61 – 32037 Sospirolo (BL).

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.