800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

‘na onta e ‘na ponta

Funerài

‘na onta e ‘na ponta

Funerài

Genaro, febraro e marzh i é tra i mesi pi’ tristi de l’an, anca ntel senso che purtropo al percorso natural dela vita, al se mena via tanti nostri cari che parte verso le schiere celesti. De sti mesi le bacheche comunai o dele parochie le é intasade di ‘pìgrafi e ringrazhiamenti de questo o de quela ndati via da spess massa dòveni. Elo Covid o altro, “ogni mort l’ha la so scusa” i disèa na olta. Sta de fato che an dì sì e quel’altro anca, son par cése o cimiteri a compagnar nostri paesani o parént. “No ghe n’é mai an mal se no ghe n’é an ben” disèa da spess i nostri vèci. Intendonse; ntela perdita de na persona cara o de ìn paesan, stente davéro a véder dove che ghe sia an… ben!

In sti doi ani qua de pandemia e ancora de pì nte sti mesi frédi de l’inverno, avon imparà a star seradi su cuci-cuci co’ le man rente la fornèla. An frét che sto virus l’ha ingigantì o fat lievitar anca nele nostre teste, diventando an fret dela comunità e dei contati pì sinceri.

I marcà i é quasi vodi, in ciesa ghe n’é solche posti liberi, par le strade, ecèto quei che porta a sparso an can, no te vet anima viva, ciacole no se ghen parla. Eco, dèss co’ i primi calt de primavera te vet qualchedun che va a spasso ma poc altro. Al resto dele comunicazion l’é delegà tut ai telefonin.

Par fortuna ne é restà i funerai! Eh sì, al dovér de compagnar an paesan se ‘l sent ancora quasi come an òbligo innato che ne fa assàr la miseria ntel divano, al calt dela fornèla e la prudenza del Covid.
Se ha cossì modo de trovarse già prima de funeral, sul sagrato dela césa a scambiarse doi ciàcole e a far ripasso sula genealogia del mort. De chi elo, chi ala maridà, da quant èrelo che la era vedova, no l’é tant che l’avèe vist, elo rivà i soi da via…

Ripassi e domande che no le é curiosità ma partecipazion e scola sul tessuto sociale che an cin ala òlta, tra pandemie e telefonin, ris-cion de pèrder. Po’, co riva al mort, tuti in césa e ala fin an cin de condoglianze in cimitero; gesti che juta ancora a star insieme e a parlarse. Ciacole importanti che se esauriss pian-pian, tornando a pié a casa o a ciorse la màchina.

Se vedon doman che i sepolìss la “Cosa”. Se ciàmela che so fia quela in Svìzhera? I nostri mort da sempre rispetadi, compagnadi, invocadi e amàdi, sto periodo qua i é drio darne na man fasendo i straordinari anca da lassù. I ne cava fora da casa e i ne met insieme par an’ora. Ghe n’avon solche bisogn.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.