800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Michele Pellegrini

coordinatore dell’area Belluno e Treviso di Legacoop Veneto

Michele Pellegrini

coordinatore dell’area Belluno e Treviso di Legacoop Veneto
Michele Pellegrini

Michele Pellegrini, 33 anni, lavora in Legacoop Veneto dal 2022 dove si occupa del Settore Produzione e Servizi, oltre a essere coordinatore del Comitato territoriale Treviso e Belluno per la stessa organizzazione. Da bellunese, è da sempre attento alle problematiche ma anche alle potenzialità del territorio in cui vive. Da cooperatore, è alla costante ricerca di soluzioni per ridare vita al tessuto economico e sociale delle aree montane, in un’ottica di sviluppo locale delle comunità che prevede come condizione indispensabile il coinvolgimento attivo e l’ascolto dei bisogni di chi le abita.

Da che formazione provieni?
«Sono laureato in Scienze Politiche – Relazioni internazionali e diritti umani all’Università degli Studi di Padova. Dopo la laurea, ho frequentato il Master integrazione europea, politiche e progettazione comunitaria, che mi ha permesso di fare un’esperienza di tirocinio in Cadore – Dolomiti S.C.S, infine grazie proprio a una borsa di studio di Legacoop Veneto ho frequentato il Master in Economia della Cooperazione dell’Università di Bologna. La Cooperativa Cadore è una cooperativa sociale di inserimento lavorativo che ha la peculiarità di lavorare con gli enti pubblici, nello specifico con i comuni dell’area più a nord della Provincia di Belluno. Per sette anni, in Cooperativa Cadore, mi sono occupato di progettazione, soprattutto nell’ambito dello sviluppo di comunità, promuovendo progetti basati su bandi pubblici e privati. Dal 2022 sono entrato in Legacoop Veneto.»

Cos’è Legacoop?
«È un’associazione nata oltre 135 anni fa che riunisce oltre 10mila imprese cooperative, attive in tutte le regioni del nostro Paese e in tutti i settori. Le cooperative svolgono attività economiche mutualistiche capaci di creare sviluppo e ricchezza, mettendo al centro le persone e sostenendo nel modo più dinamico ed efficace il protagonismo economico, sociale e civile dei territori.»

Quali sono le azioni intraprese da Legacoop Veneto nel territorio del bellunese?
«In generale, abbiamo dato vita a un’azione strategica finalizzata a favorire lo sviluppo di soluzioni imprenditoriali nelle aree montane rilanciando il modello cooperativo. Ho usato l’espressione “rilanciare” perché la storia del nostro territorio ha una forte tradizione in questo ambito. Basti pensare alle storiche cooperative di consumo o quelle di conferimento legate in particolare alla produzione del latte.»

Esempi concreti?
«Sicuramente quello di Zoppè di Cadore, il comune più piccolo della provincia di Belluno con 187 abitanti, dove Legacoop Veneto ha svolto un ruolo di supporto alla comunità che ha deciso di costituire una cooperativa per riaprire il negozio del paese. La necessità era quella di garantire un servizio sul territorio che non poteva più essere assicurato. Ragionando a livello strettamente privatistico, questa attività non sarebbe stata in grado di garantire reddito a chi ne sarebbe stato il titolare. Per questo, ci siamo attivati aiutando la comunità di Zoppè che ha dato vita ad una cooperativa di consumo, introducendo anche innovazioni tecnologiche: nel negozio c’è una vetrina digitale dove il cliente ha una gamma di prodotti e, in qualsiasi momento, può ordinare la spesa. Questa viene recapitata due volte la settimana in paese. In seguito, la cooperativa ha rilevato il bar che fornisce una serie di servizi quali l’acquisto del pellet e del gasolio.»

E se altre realtà volessero avviare esperienze simili come dovrebbero muoversi?
«In Legacoop Veneto abbiamo un ufficio dedicato alle startup cooperative che raccoglie le esigenze progettuali, ne verifica la fattibilità, aiuta gli aspiranti cooperatori nella stesura di un business plan e ne analizza la sostenibilità economica con l’obiettivo di garantire un bilancio in equilibrio, nell’intento di avviare esperienze in grado di rispondere a bisogni territoriali.»

Michele è a disposizione anche per approfondire i temi trattati: michele.pellegrini@legacoop.veneto.it

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.