800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Merry Artigiane

Prima iniziativa di artigianato al femminile

Merry Artigiane

Prima iniziativa di artigianato al femminile

Con grande entusiasmo e aria di novità è stato presentato il mercatino “Merry Artigiane”, un affascinante momento natalizio dedicato alle eccellenze artigianali, che ha aperto ufficialmente le sue porte, presso la Fondazione “Lucia De Conz”, a San Gregorio nelle Alpi gli scorsi 18 e 19 novembre. Questo evento, creato da due amiche e talentuose artigiane, Paola Nard e Franca Bortot, è stato applaudito come una vera e propria oasi di creatività, arte e impresa.

Il mercatino di Natale
La Fondazione ha ospitato nelle sue stanze appena ristrutturate 21 donne imprenditrici che hanno fatto del loro talento e della loro passione una professione. Paola Nard, titolare di “Le Argille di Paola”, artigiana dal 2009 nel comune di Sedico dichiara: «Durante il fine settimana le artigiane hanno esposto i loro prodotti che potranno diventare i primi regali di Natale o semplicemente un acquisto di un prodotto unico fatto a mano. Ci sono state anche tante attività collaterali: le visite alla struttura con la guida Marta Azzalini, i laboratori sul cioccolato e di degustazione tè, ma anche laboratori per i più piccini».

L’idea
Sulla nascita dell’idea, Paola aggiunge: «Io e Franca Bortot abbiamo collaborato nella creazione di una collezione e da lì non ci siamo più lasciate. Anche “Merry Artigiane” è un esempio concreto del come fare rete possa essere uno strumento importante per lavorare in un territorio come quello della provincia di Belluno: insieme si crea e si aggiunge valore».

Chi acquista prodotti artigianali spesso lo fa per gusto personale, ma nel mentre con la propria scelta sostiene piccole realtà che animano il territorio, spesso anche di progetti femminili. «Nella creazione del market natalizio abbiamo tenuto conto di tre aspetti fondamentali: in primis di sostenere, con questa occasione di promozione, il vero mondo artigiano che si distingue bene per modalità e possibilità dal mercato hobbista.

Ci teniamo molto a questo punto, per mandare un segnale forte, cioè che di artigianato si può vivere! In secondo luogo, ci siamo adoperate per cercare donne imprenditrici come lo siamo noi, e ultimo, ma non meno importante, abbiamo cercato di portare una proposta nel nostro territorio per far conoscere il mondo dell’artigianato.

Siamo molto liete che la Fondazione Lucia De Conz abbia aderito a questo progetto con molto interesse e partecipazione attiva dandoci tutto il supporto di cui avevamo bisogno».

Il mondo artigiano
«Questo è l’anno zero, in cui partiamo e cerchiamo di capire come risponde la nostra offerta su questo territorio. Non escludiamo che in futuro la manifestazione si ripeta e si allarghi», conclude Nard. «L’idea di base è sempre comunque quella di fare rete, condividere idee, esperienze e spunti.

Nel mondo artigiano abbiamo bisogno anche di questo e speriamo di creare un gruppo sempre più proattivo e interessato che sappia anche farsi riconoscere come un punto di forza e valore nei piccoli centri».

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.