800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Martina Rotondi

da S. Giustina giovane promessa del calcio

Martina Rotondi

da S. Giustina giovane promessa del calcio

Il settore giovanile, alla Spal (Società Polisportiva Ars et Labor) di Ferrara, è motivo di vanto ed orgoglio. Lo è sia al maschile che al femminile, grazie a una Spal in rosa Under 15 che ha dominato e vinto il proprio campionato di categoria di calcio femminile.

Prima nel proprio girone, la compagine allenata da mister Paolo Munari si è imposta con numeri eclatanti e da capogiro in questa seconda fase: otto vittorie su otto uscite, miglior attacco con ben 40 reti realizzate e miglior difesa con solo cinque marcature incassate.

Una corazzata che, alle spalle, vede l’attenta fase difensiva di capitan Martina Rotondi, eleganza tecnica e classe da vendere. Martina, classe 2010 di Formegan di Santa Giustina, è figlia di Mauro, responsabile del settore femminile Spal, ed è originaria di Feltre come la mamma, la dottoressa Elisabetta Antiga.

Martina è tesserata da sempre, praticamente la più “vecchia” tesserata. Ha iniziato, infatti, a giocare all’età di 7 anni e, a distanza di 6, ne ha fatta di strada. Ora, a 13 anni, dopo la gavetta in tutte le squadre giovanili, si ritrova vincitrice del campionato Under 15, alzando la coppa da capitano.

Il girone quindi, già fatto suo a punteggio pieno, ha visto la Spal femminile U15 giocarsi, il 22 aprile in gara unica la semifinale play off contro il Riccione, con un risultato brillante. Come conclusione la bella finale in gara unica del 29 aprile a Castel San Pietro Terme (BO) contro il Bologna. La finalissima “al cardiopalma” è finita nei tempi regolamentari sul risultato di parità di 1 a 1. Si è andati direttamente ai calci di rigore dove la Spal ha trionfato e conquistato la vittoria del campionato Under 15 Femminile.

Una soddisfazione per la Spal, per la città e per il manager del settore femminile, papà Mauro. Il responsabile si sofferma sulla squadra e sulla figlia calciatrice: «Immensa soddisfazione per ciò che sta facendo l’Under 15 con numeri che parlano chiaro sulla qualità della rosa e sulla professionalità dello staff tecnico per il lavoro svolto fino adesso; il percorso intrapreso a settembre scorso non poteva concludersi in maniera migliore. Su mia figlia, da genitore e dirigente, posso solo dire che sono orgoglioso di lei: vederla alzare al cielo da capitano il primo trofeo nella storia del settore giovanile femminile della Spal è stato un’emozione incredibile, impossibile da spiegare, conclusasi nell’abbraccio in campo con Martina dove non sono riuscito a trattenere le lacrime: è stata una liberazione di tutta la tensione accumulata nei giorni precedenti la finale. Vedere mia figlia fare una cosa che le piace – la passione, l’amore per il calcio e il senso di appartenenza – e il riuscire a trasmettermi sensazioni che riempiono il cuore di gioia sono le cose più belle che si possono provare, che solo vivendole si possono capire».

A fare il tifo per la promessa del calcio, ci sono certamente anche il fratellino Enrico e i nonni di Martina, Edda e Dino Antiga di Formegan. Avanti così, Capitano, il futuro è tuo!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.