800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Le man e l’anima

riflessioni sull’artigianato

Le man e l’anima

riflessioni sull’artigianato

La combinazion dela testa co’ le man l’é stata quela, che ‘te la Storia, l’ha distinto l’òm dai altri animai. Al pensar e al progetar al ghe spetèa ala testa ma dopo, par realizar o costruir, servìa doi indispensabili strumenti che, colegadi ala testina, i fusse in grado de render reale al pensiero: le man.

Le man del’òm l’é al vero segno e strumento che incarna al progresso che in pochi mili ani l’umanità intiera la ha conquistà. Le man le ha costruì de tut e de pì; le ne ha portà fora dale caverne par rivar ai gratacieli e po’ fin ntela luna! Inteligenza e soramànego!
L’altra matìna ale sìe ere fora a segar an canton de ‘n brolo de na me paesana e, gusàndo la falzh co’ la piéra tociada ntel codèr, scoltèe sto brano de musica che sgorghèa da sto antico movimento. Poesia. Sepur monotono…poesia! E ho pensà fra mì, con cin de nostalgia, a come che i é cambiadi i rumori nten sessanta ani. Adesso, che comanda o che romp al silenzio che no esiste pì, l’é i motori. De tute le sort: motorin, machine, camius, aerei, tratori, circolari, decespugliatori, rasaerba… motori. Pàr de viver perenemente co’ la testa entro nten vassèl de ave!

Al silenzio, che fin sessanta ani fa l’esistìa ancora senza ndar a zhercarlo su in zhima al Pizhòk, al vegnèa rot da altri rumori, diversi: i rumor dei contadin e dei artigiani. Sto periodo, ala matìna bonora o ala sera dopo moldést, te sentìa la cantilena sempre compagna del segador che batèa la falzh: tèk, tèk, tèk o al sferraglio dele sàpe che sarìa fasoi e sork o al strepito dei finimenti dele cubie de vache tacade sot al car o al concerto combinà de car e animai sule strade da sfaltàr.

La canzon regolare dela sega o dela piàla del marangon (falegname) che, come che conta al Leopardi sul so’ straordinario “Sabato del villaggio”, al se industrièa a fenir al laoro prima dela festa o prima de nòt. O ancora la musica del fàoro (fabbro), sinfonia del martèl che oltre che bàter al fèr càlt, batèa a vodo sora l’incuden quasi a ciamar al ritmo intant che al pensèa al prossimo colpo.

Po ghen’era anca rumori che no fèa rumor. Al sarte (sarto), co’ l te ciolèa le mesure del vestitin da Prima Comunion girandote intorno co’ la cordèla metrica, al creèa an fruscìo da sgrìsoi che ho ancora sula pèl. An mesurar da festa parché co’ te ndèa dal sarte… tirèa aria de ricorenzhe o feste. E ancora al strepito del stagnìn sui cùi dele pignate o al rumor pì nobile del moléta (arrotino) che gusèa cortèi e fòrzhess (forbici) sula mòla montada sula so’ bicicleta.

E drio questi e tanti altri rumori, man de oro, man sapienti, man creative. Par no parlar dele man dele nostre mame e none che co’ la so’ abilità le lavèa, le filèa, le cusìa le ricamèa, le ramendèa, le giustèa e le cunèa fameje intiere.

Artigiani e artigiane del nostro recente passato. An tempo passato che l’é stat, par necessità, plasmà da man che nei secoli le é state la realizazion del’inteligenza, dela creatività ma prima ancora del’amor che vien dala testa e dal cor.

Ancoi la testa e l’amor i é restadi i medesimi ma, da spéss, i risultati tangibili del pensiero umano no i passa pì necessariamente par le man ma par fabriche, stamp e ultimamente par robot che sostituìss testa e man. Tute bèle robe, tut progresso con tuti prodoti compagni precisi. Fursi tanto precisi e perfeti da esser senza pì l’anima che qualsiasi oggetto costruì dale man del’òm al se porta entro.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

30/06/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”