800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

L’Asilo di Santa Giustina cambia

a 110 anni dalla inaugurazione

L’Asilo di Santa Giustina cambia

a 110 anni dalla inaugurazione

Scuola Materna Paritetica parrocchiale: nel tempo ha perso il suo primordiale nome di “Asilo di Santa Giustina”, ma alla gente piace ancora quest’ultimo perché questa struttura fa parte delle cose più amate in assoluto dalla comunità santa giustinese.

Il 20 giugno ricorre il 110° anno dalla sua fondazione. L’idea della costruzione dell’Asilo iniziò nel marzo 1913 con l’arciprete Antonio Tiziani, che fece la prima offerta di lire 1.300. In seguito, l’intitolazione al suo nome. La popolazione ha sempre sostento l’attività dell’asilo. Tanti gli interventi di miglioramento, ma uno in particolare va ricordato: quello eseguito nel 2005 con l’ampliamento della struttura a cura di don Sergio Dalla Rosa, che, grazie alla sua intraprendenza e avvedutezza, ha realizzato la piastra servizi, per renderlo più attrattivo e adeguato alle esigenze d’oggi. Vincente la sua visione.

Dopo oltre un secolo di conduzione a cura delle Suore dell’ordine di Maria Bambina prima e dal 1975 dell’Opus Mariae Reginae, l’Asilo rimarrà “orfano” della conduzione cristiana per diventare completamento laico. È noto che le Sorelle lasciano con la fine di giugno la struttura. La motivazione, come spiegato sulla stampa dalle sorelle Annalisa Ambrosi e Donatella Brugnera, è riconducibile alla mancanza di ricambio vocazionale. Un dato di fatto inattaccabile, ma forse non è stato fatto l’impossibile per scongiurare questo amaro addio da parte di chi “conta”.

I genitori dei bambini hanno fatto di tutto interpellando il Vescovo, il Vicario e perfino il Patriarca di Venezia per evitare il distacco. Sorelle “utilissime”, tra l’altro, nell’aspetto formativo delle giovani ragazze. Grazie, Sorelle, per quello che avete dato, la Comunità di Santa Giustina vi rimpiangerà.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

30/06/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”