800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

L’artigianato del futuro

Le vive voci dei Maestri Artigiani

L’artigianato del futuro

Le vive voci dei Maestri Artigiani

Invecchiamento della società, spopolamento della montagna, giovani all’estero. Se n’è discusso il 26 aprile scorso nella Sala Veranda della Birreria Pedavena grazie all’iniziativa congiunta di Appia Cna Belluno, Cna Treviso e Cna Veneto. Ospiti i Maestri Artigiani associati ad Appia Cna e Cna Treviso che hanno manifestato l’esigenza di un repentino passaggio generazionale per le aziende artigiane, puntando all’importanza della formazione.

Presentato poi il report “Il processo di invecchiamento della società incide anche nell’imprenditoria individuale nelle province di Treviso e Belluno 2012-2022”, studio curato da Federico Callegari della Camera di Commercio Treviso-Belluno.

«Formazione e insegnamento sono fattori fondamentali per apprendere un mestiere e per passare il testimone alle successive generazioni, “plasmando” l’artigiano del futuro. L’importanza di celebrare in questo contesto Maestri artigiani accreditati non vuole solo mettere sotto i riflettori le loro “botteghe”, testimoniandone l’importanza per la comunità, ma anche ribadire che esperienza e capacità si possono e si devono tramandare » ha dichiarato il bellunese Moreno De Col, Presidente di Cna Veneto e vicepresidente di Appia Belluno.

«Le conoscenze artigiane sono elementi peculiari di un tessuto imprenditoriale prezioso che va salvaguardato e riproposto per le nuove generazioni, anche in riferimento al Bellunese, che purtroppo soffre oggi di un processo di “invecchiamento” troppo spinto delle aziende, tema condiviso anche dalle vicine realtà trevigiane», ha aggiunto il Presidente di Appia Cna Massimo Sposato.

I dati – Il report ha analizzato dati al 31 dicembre 2022 confrontati con quelli di 10 anni prima. A Belluno l’incidenza delle ditte individuali supera il 60% del totale imprese attive ed esse ammontano a quasi 8.300 unità. Dato negativo è il rapido processo di invecchiamento: in 10 anni aumentano le ditte individuali guidate da over cinquantenni: + 500 a Belluno, in particolare nel commercio e nelle costruzioni, mentre calano le altre (- 1.500 nel Bellunese). Meglio per i servizi alle persone, i servizi ICT, le attività del terziario avanzato e la ristorazione. A Belluno i settori più “vecchi” sono trasporto e magazzinaggio (quasi 80% per più di 50 anni), metalmeccanico (68,1%), manifatturiero (66,7%), legno-arredo (66,5%), commercio all’ingrosso (65,7%) e al dettaglio (61,8%).
Ancora, dato rilevante è la perdita nel Bellunese di 998 imprese individuali al 31 dicembre 2022 rispetto al 2012. A dicembre 2022 gli imprenditori con più di 50 anni rappresentano il 56,9% del totale delle ditte individuali (45% nel 2012).

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.