800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

L’anello della Valbelluna

Le iniziative della Fiab Belluno per la valorizzazione

L’anello della Valbelluna

Le iniziative della Fiab Belluno per la valorizzazione

L’Anello della Val Belluna è un percorso ciclabile di quasi 80 km (precisamente 79,5), su piste ciclabili in sede propria e su strade di campagna a basso traffico, che unisce Belluno e Feltre in destra e sinistra. Fiab Belluno Fiab Belluno promuove ormai da cinque anni questo tracciato: consiglia di farlo da Belluno a Feltre seguendo il percorso in destra Piave (36,5 km) e tornare per la sinistra Piave (43 km). In destra Piave il dislivello è di soli 311 metri e l’unica salita un po’ impegnativa è dopo Salmenega (1 km), mentre il ritorno per la sinistra Piave presenta la salita di Mel (poco più di 1 km), ma il percorso è leggermente più impegnativo con un dislivello totale in salita di 530 m è un po’ di saliscendi. In ogni caso è un percorso cicloturistico adatto a tutti e con qualsiasi biciclette; non occorre avere un’e-bike. È adatto anche alle famiglie con bambini: infatti il percorso della destra Piave offre la possibilità di usare l’intermodalità “treno + bicicletta” (quando la linea ferroviaria sarà elettrificata e riaperta).

L’intermodalità “treno + bicicletta”.
Questo è il binomio vincente quando si parla di cicloturismo – secondo Fiab – perché consente il rientro sul mezzo oppure di spezzare il percorso. Inoltre l’anello può essere modulato in anelli più brevi grazie ai ponti di San Felice e Busche, dotati di ciclabile. Ad esempio si può partire da Belluno, arrivare al bivio ciclabile di Sedico (in località Villiago), scendere al ponte San Felice e rientrare a Belluno lungo il percorso della sinistra Piave. Oppure si può partire da Feltre e fare l’anello Feltre – Busche – Feltre, ecc. L’Anello inoltre permette anche di esplorare la Val Belluna con digressioni a “spina di pesce”. Fiab Belluno sta elaborando una cartina del percorso dove sono descritti anche gli elementi più rilevanti dal punto di vista artistico, etnografico e naturalistico.

L’auspicato inserimento nella Rete escursionistica veneta
È recente (del febbraio scorso) la richiesta della Fiab Belluno alla Regione Veneto di inserire l’Anello della Val Belluna nella Rev (Rete Escursionistica Veneta) al pari degli altri percorsi già inseriti come l’Anello della Donzella, il Girasile, l’Anello dei Colli Euganei, ecc. La Regione sta investendo molto nel cicloturismo, ma ha finora ignorato le potenzialità della Val Belluna, secondo l’associazione bellunese, non includendola né nel portale “Green Tour verde in movimento” né nei percorsi della Rev. Fiab non può essere l’interlocutore della Regione per conto degli enti interessati: è necessario che gli stessi individuino un capofila che, ai tavoli regionali del cicloturismo, sostenga l’inserimento dell’Anello nella Rev, con conseguente tabellazione e promozione del percorso.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.