800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

La strada romana che passava per Longano

All’interno di un libro riccamente illustrato

La strada romana che passava per Longano

All’interno di un libro riccamente illustrato

Sarà presentato a Sedico sabato 28 ottobre alle ore 17 nel nuovo Polo Culturale

Parecchi anni fa, durante le mie esplorazioni del territorio e nelle interviste fatte in alcune località situate nei pressi della sponda destra del Piave, avevo vagamente sentito raccontare di una strada romana che anticamente vi passava. Nei primi anni 90 del secolo scorso ebbi la fortuna di incontrare Luisa Alpago-Novello, grande conoscitrice del nostro territorio ed esperta in Romanità. Fu lei a mettermi a disposizione la relazione dell’archeologo cadorino Alessio De Bon che la percorse e la indagò, su incarico del Reale Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti negli anni Trenta del secolo scorso, convinto che fosse la via Claudia Augusta.

Riappare la strada
A partire dal 1994 cominciai a ricercarla, seguendo la relazione, nel tratto fra Longano e San Fermo. La percorsi parecchie volte con esperti, studiosi, ma anche con gente del posto che mi fu prodiga di informazioni e di toponimi.

Nel corso di un giro, l’amico Paolo Viel, esperto di viabilità romana, mise alla luce dei reperti significativi poi consegnati al Museo civico di Belluno, ove si trovano tuttora in compagnia delle pignatte del legionario romano da lui precedentemente rinvenute ai Castelet (vicino a Longano).

La divulgazione della scoperta e la valorizzazione della strada
Dal 1994 cominciai a fotografare le tracce di quella strada ancora ben riconoscibili anche grazie ai racconti dei possessori dei terreni attraversati. Fu una decisione molto saggia in quanto, a distanza di 30 anni, ora possiamo aver cognizione di quanto si sia modificato il territorio per il degrado naturale e l’incuria.

Oltre a divulgare la mia scoperta, cominciai a effettuare periodicamente delle visite guidate da Longano a San Fermo aperte a tutti: in particolare per i bambini delle scuole elementari le organizzavo al mattino nell’orario scolastico.

Riscoperto anche il tratto
da San Fermo a Salce
In anni più recenti, grazie alla cortesia di Roberto Bampo, proprietario a Chiaramada del cosiddetto Palazzo del Vescovo, ho potuto riscoprire un altro tratto di strada (molto particolare) e l’antica torre che dall’alto la controllava. In precedenza, intervistando la gente del posto, avevo fatto delle ipotesi sul percorso da San Fermo a Salce.

La mostra
Nel 2019 il Comitato Ricreativo e Culturale di Longano mi chiese di organizzare una mostra proprio sulla strada romana che passava di là. Da solo non sarei riuscito a realizzarla ma, avendo la fortuna di essere amico di Fausto Tormen, un disegnatore e un grafico eccezionale che mi affiancò, risultò molto accattivante e tale da soddisfare in pieno i visitatori.

Nel 2022 fu riproposta a Sedico con la novità del guado sul torrente Siva che abbiamo ritrovato con nostra grande soddisfazione (seguendo la relazione del De Bon) nei pressi della Villa Gaggia (San Fermo): lo cercavamo da anni!

In tanti alla riscoperta
A marzo del 2023 ho organizzato una camminata lungo la strada romana in cui ho dato tutta una serie di spiegazioni e mostrato parecchie foto (pure di reperti): c’era una marea di persone (forse 200)!

Il libro
A questo punto mancava solo una pubblicazione, ora realizzata, che desse un coronamento a tutto questo lungo lavoro di ricerca. Il libro, di quasi 90 pagine interamente a colori, contiene una serie di cartine molto dettagliate, quasi un centinaio tra foto e disegni, ha dei testi molto agili sia pur con tutte le notizie fin qua raccolte ed è suddiviso in due parti.

La prima tratta delle strade romane in generale (ossia caratteristiche, come si viaggiava, com’erano nella nostra provincia, con un approfondimento particolare per Alessio De Bon, l’archeologo cadorino che segnalò per primo la strada che passava per Longano); la seconda tratta esclusivamente della strada romana da Longano a Salce.

È suddiviso in 15 capitoli. Il primo si intitola Caratteristiche e struttura delle strade romane, il secondo Come si viaggiava, il terzo Alessio De Bon lo scopritore di strade romane, il quarto La via Claudia Augusta, il quinto La strada romana passava per Longano, il sesto Da Longano al Colle di Santa Susanna, il settimo Sul Colle di Santa Susanna, l’ottavo Verso i Castelet, il nono Pignatte romane ai Castelet, il decimo Dai Castelet a Triva, l’undicesimo Il roccolo e il Tinello, il dodicesimo Verso San Fermo, il tredicesimo San Fermo, il quattordicesimo La strada lastricata con grandi blocchi e il Palazzo del Vescovo, il quindicesimo A San Pietro di Salce.

Il libro, edito da DBS di Rasai (Seren del Grappa), è stato realizzato per volontà del Comitato Culturale e Ricreativo di Longano.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.