800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Isidoro Busana

ciclista, pittore, uomo in una biografia ed una mostra

Isidoro Busana

ciclista, pittore, uomo in una biografia ed una mostra

Isidoro Busana in una biografia e in una mostra. Classe 1948, ciclista dilettante di ottimo livello negli anni ’60, oggi pittore (autodidatta) con piccola bottega in via Palman a Trichiana, uomo schivo ma in perenne ricerca, è lui il protagonista di “Isidoro Busana: sessant’anni in volata. Tra ciclismo e arte contemporanea”, il nuovo progetto culturale dell’Associazione Feudo Mel. L’iniziativa intende narrare il ciclista, l’artista, l’uomo in due modi: in un libro, attraverso il testo di Paola Brunello e le fotografie inedite di Dario Tonet; in un’esposizione di sue opere, ma anche istantanee e cimeli d’epoca, a Palazzo delle Contesse, dove dopo il lancio del 1° ottobre è visitabile fino al 30.

«È un progetto che nasce per la necessità di valorizzare grandi artisti e atleti della nostra provincia quando sono in vita», motiva Andrea Robassa, anima dell’Associazione Feudo. «Da qui la scelta del “ciclopittore” Isidoro Busana, che riesce a coniugare un momento storico bellissimo, gli anni ‘60, quelli della sua carriera ciclistica, con il suo percorso d’artista che porta la Valbelluna ovunque».

La sua vicenda è stata ascoltata, raccolta e riordinata da Paola Brunello. Il risultato è una biografia di 250 pagine, ricca di aneddoti sportivi, foto d’epoca, affreschi di vita zumellese degli anni ‘50 e ‘60, immagini di molti suoi quadri. Dalle chiacchierate a ruota libera davanti alle sue creazioni, ripescando dal suo archivio personale, è emerso, riprendendo le parole dell’autrice, «il filo di una gara, di una ruota di bicicletta, che inizia e finisce nello stesso punto».
Il ritratto di «un artista che non ha mai finito di essere ciclista. Un artista che è vero: in tutti i suoi quadri c’è il suo sogno, il suo sentimento, un artista che nel paesaggio corre verso una meta. Un uomo con i piedi radicati a terra, ma che nello stesso tempo vola con la mente, sempre in ricerca. Un artista mai fermo, come fermo non è il ciclista. Un ciclista-artista, in montagna, in discesa o in volata, sempre alla ricerca della pedalata». Un uomo che attraverso la pittura comunica chi è: per credere, ascoltarlo, vederlo aprirsi, mentre parla delle sue tele e della sua vita. Il libro si può ordinare alla mail info@associazionefeudo.it.

Nella mostra (aperta il sabato e la domenica dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18) sono esposte una cinquantina di sue opere, da quelle figurative a quelle – soprattutto dell’ultimo periodo – fatte con ruote di bicicletta. Ma anche alcuni lavori del papà Pietro. Tanti poi i testimoni del passato da corridore: foto degli anni ‘60; due biciclette, datate 1965 e 1970; due divise, quella della Casagrande del 1970 e quella della Cicli Busana del 1979; due teche contenenti un borraccino, un libricino per gli allenamenti, dépliant, foto di compagni di squadra del tempo. A completare il percorso, un inedito filmato di 8 minuti, gentilmente concesso dalla famiglia del compianto giornalista Ivano Pocchiesa, risalente a domenica 17 maggio 1964, in occasione del “Gran Premio Distilleria del Passicamo”. Una mostra su due piani, con la volontà di raccontare il ciclista, l’artista, l’uomo Isidoro Busana.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.