800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Il Piave mormorò

Il Piave mormorò

Di solito scorrono ed evaporano, le acque, per poi tornare in Terra secondo il giro di giostra “vapore-precipitazioni-fiumi-mare”, ma in Valbelluna, e più a monte ancora, accade che le acque spariscono, inghiottite in quel colabrodo a cui è ridotta la nostra montagna dai tempi in cui l’idroelettrico fu visto come la soluzione per un’energia pulita, oltre che una ghiotta occasione per riempire portafogli.

Sulla carta la situazione è stata migliorata dalle promesse di “restituzione a valle” e di “minimo deflusso vitale”, degno della cartella clinica di un paziente all’ultimo stadio. All’inizio l’uomo si accompagnava al fiume come a un cavallo difficilmente domabile, poi prese coraggio provando ad addolcire le sue rive, smussandone i meandri, alzando paratie e, convinto di averlo domato, cominciò a farlo lavorare per lui: energia idroelettrica a volontà e secchi d’acqua per tutti i campi coltivabili della pianura! Il tutto perdendo la memoria del territorio e il senso della misura. La Natura lascia fare ma quando non ne può più esplode in tutta la sua potenza: ed eccoci allarmati lungo gli argini dei fiumi a misurare il livello delle acque, alla sala-comando della diga che ha amputato il normale corso del torrente, nei centri di previsione meteo per incrociare calcoli e dati statistici.

Gamberi e trote intanto continuano a cercare le fresche acque ossigenate… chissà se sanno che l’agonia di un fiume è anche l’agonia dei suoi animali: quando un pesce piange, nessuno si accorge delle sue lacrime.

Galleria Immagini

Hai bisogno di noi? Chiamaci al Numero Verde 800 038 499

Aut. del Trib. di Belluno n. 17 del 24.11.2000. Direttore Responsabile: Federico Brancaleone. Sede Legale: via Pulliere 19 Santa Giustina – Redazione: via Gron, 43 – 32037 Sospirolo (BL) – ITALY. 

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.