800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Il Pendolon, antico piatto dei pastori lamonesi

Come si lega alla transumanza?

Il Pendolon, antico piatto dei pastori lamonesi

Come si lega alla transumanza?

Il “pendolon”, nonostante la somiglianza dell’appellativo, non va confuso con le “pendole” di carne di pecora: è un antico e nutriente piatto a base di patate e fagioli, consumato dai pastori del Lamonese durante i lunghi percorsi della transumanza. L’origine del termine sembra derivare dal verbo “pendolar” (penzolare) perché il preparato veniva inserito nella manica della giacca, dopo averne chiuso l’imboccatura con un legaccio, e oscillava penzolando dalle spalle all’incedere lento del pastore, che, durante le lunghe traversate a piedi con gli animali, poteva mangiare senza dover aprire le tasche. Altra interpretazione del nome è legata al significato di “pendola” (cuneo di legno) perché veniva tagliato a spicchi.

L’Accademia Italiana della Cucina nella rivista “Civiltà a tavola” definisce “il pendolon, una sorta di polpettone fatto con patate e fagioli, compagno di transumanza dei pastori o dei cramars, i venditori ambulanti.”

La ricetta prevede che vengano utilizzati patate e fagioli, questi ultimi, se secchi, vanno prima ammollati in acqua fredda almeno 12 ore poi cotti in acqua. Le patate vanno lessate con la buccia, mentre si soffriggono in un paiolo cipolla e lardo. Dopo la cottura le patate vengono sbucciate e mescolate con i fagioli, si schiaccia il tutto (o lo si passa con il passaverdure) in una pentola, aggiungendo il sugo del soffritto e aggiustando di sale. Il tutto va mescolato con vigore per 10 minuti circa fino a raggiungere una consistenza soda. Il preparato, oggi degustato a tavola, va rovesciato sul tagliere e può essere consumato sia caldo che freddo, tagliandolo a fette.

Il piatto è stato oggetto di una disputa tra il volontariato di Arina di Lamon e l’Associazione Casel de Melam che contende al Lamonese l’origine della tradizione proponendo l’antica ricetta con qualche variante, presentandola come prodotto tipico della frazione di Mellame.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.