800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Il Borgo in vetrina

Borgio Piave valorizzata in un contest fotografico

Il Borgo in vetrina

Borgio Piave valorizzata in un contest fotografico

Il borgo in vetrina. È stato questo il titolo scelto per la mostra fotografica diffusa che dall’8 ottobre fino all’8 dicembre darà colore alle vie Rugo e Riva San Nicolò di Borgo Piave, quartiere del basso centro storico di Belluno. Si tratta di un’iniziativa realizzata dall’associazione Borgo Piave ETC aps e portata avanti in collaborazione con l’associazione culturale Veses, così come il contest fotografico che ha animato l’estate dal titolo “Scatta l’estate nel Borgo”.

Infatti, in primavera, le due associazioni si sono confrontate proprio sull’idea di replicare, in quello che era il porto fluviale cittadino, un concorso simile a quello proposto a Carve di Mel con l’idea di allestire poi una mostra “in orizzontale”, differente quindi da quella di Borgo Valbelluna, sviluppata in verticale nel campanile della frazione.

Da qui si è pensato ai temi scegliendone tre: il borgo e l’acqua (mettendo in evidenza il rapporto tra il borgo e il fiume Piave o tra lo stesso e le sue fontane), il borgo e la gente (cogliere come il borgo viene vissuto oggi) e il borgo e le luci (come la luce del sole o dei lampioni crea dei giochi sui palazzi del borgo). I fotografi hanno avuto tempo da metà giugno fino a fine agosto per mandare i loro scatti che sono stati poi presi in esame da una giuria composta da Mauro Bronzato per Borgo Piave ETC, l’assessora al turismo e manifestazioni Yuki D’Emilia per il Comune di Belluno e Giovanna Roncada per l’associazione Veses.

Le premiazioni sono state fatte il 17 ottobre nell’aula magna del Seminario Gregoriano di Belluno in presenza della giuria, del presidente del “Veses” Luciano Dal Molin, di alcuni componenti dell’associazione Borgo Piave ETC e ovviamente dei fotografi con amici e parenti. Per quanto riguarda le foto raccolte Antonio Gheno, referente dell’aps di Borgo Piave, si è detto soddisfatto che i fotografi abbiano colto anche gli allestimenti floreali che la stessa associazione ha fatto durante l’estate sulle fontane e che abbiano messo in risalto come il fiume Piave venga tutt’ora utilizzato dalle persone: negli scatti si sono infatti viste delle persone prendere il sole, rilassarsi all’ombra del ponte e addirittura scendere il fiume a bordo di canoe.

Luciano Dal Molin ha invece messo in risalto come la sinergia tra enti del territorio faccia bene alla nostra provincia facendola conoscere e creando proposte culturali apprezzate sul nostro panorama e non solo. Al coro si è aggiunta l’assessora D’Emilia che ha apprezzato l’idea di affiancare ad un contest online una mostra diffusa con tutti gli scatti partecipanti: «Questo potrà contribuire ad aumentare ulteriormente l’attrattività turistica del borgo e permetterà a tutti di scoprire alcuni scorci e peculiarità di Borgo Piave». Durante le premiazioni un presente è stato offerto a tutti i partecipanti: Borgo Piave ETC ha pensato ad un regalo ecosostenibile legato alla vocazione turistica del borgo proponendo una matita personalizzata, realizzata con grafite proveniente da scarti industriali, che dura in eterno, proposta con un suo “espositore” fatto da un cartoncino nero anch’esso personalizzato con l’immagine stilizzata di Porta Rugo. «Si direbbe quasi un gadget museale – ha commentato Gheno – che fa capire come il borgo sia “museo a cielo aperto”».

Ai vincitori l’associazione Veses ha regalato il libro “Sguardi sulla Valbelluna”: per il tema dell’acqua ha vinto Edi Balcon, per quello della gente Marta Cassol e per le luci Stefano Guadagnin che è stato anche il fotografo che ha raggiunto il punteggio più alto; Stefano Sabatini è stato invece “segnalato” dalla giuria per la sua foto sul tema delle luci dove ha proposto un interessante scorcio in notturna.

Le 20 fotografie sono quindi visibili fino ai primi di dicembre sulle vetrine di negozi, uffici, abitazioni del pianterreno delle case che scendono da Porta Rugo verso le scalette e la piazzetta dove si affaccia la chiesa di San Nicolò per poi dirigersi verso il Pontet (ponte vecchio) proprio con l’idea che sia il borgo il prodotto principe di queste vetrine.

Galleria Immagini

Hai bisogno di noi? Chiamaci al Numero Verde 800 038 499

Aut. del Trib. di Belluno n. 17 del 24.11.2000. Direttore Responsabile: Federico Brancaleone. Sede Legale: via Pulliere 19 Santa Giustina – Redazione: via Gron, 43 – 32037 Sospirolo (BL) – ITALY. 

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.