800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Gruppo Folkloristico Nevegàl

60 anni di balli e tradizioni

Gruppo Folkloristico Nevegàl

60 anni di balli e tradizioni

I

l Gruppo Folcloristico Nevegàl, con sede a Castion e oggi parte della Pro Loco Pieve Castionese, ha spento ben 60 candeline. L’occasione perfetta per festeggiare una ricorrenza così speciale è stata la sagra del Campanot di Castion, che è diventata teatro del 17^ raduno regionale di Venetnia, l’associazione veneta di gruppi di tradizione popolare, che ha sede a Treviso e raduna circa una ventina di gruppi provenienti da tutto il Veneto, tra cui anche il gruppo castionese. Il raduno veneto ha visto la partecipazione di 13 gruppi, tra cui anche il Gruppo Folkloristico Holzhockar di Sappada, invitato per la forte amicizia anche se non più parte della Regione.

La provincia bellunese appare una terra fertile per i gruppi di tradizione popolare: sono infatti nove i gruppi folcloristici di canto, ballo e teatro, che partono da Cesiomaggiore fino a Casamazzagno in Comelico Superiore, tutti profondamente diversi tra di loro grazie alla ricchezza del territorio provinciale, che varia continuamente dalla pianura alla montagna. «Il bello di ritrovarsi tra gruppi vicini, ma differenti, è proprio lo scambio e il confronto tra tanta varietà e diversità culturale» spiega la referente Silvia De Bona.

In occasione del compleanno, il Gruppo ha prodotto un libretto che ne ripercorre la storia dal 1963, anno della fondazione, ad oggi. Questa pubblicazione ha impegnato i membri del Gruppo in una ricerca e raccolta di materiali più o meno antichi, per lasciare un’importante eredità a chi porterà avanti la preziosa tradizione. 

Per gli interessanti, è possibile richiederne una copia a fronte di un contributo simbolico contattando il gruppo ai recapiti gruppofolcloristiconevegal@gmail.com; 348 8600590.

Ogni membro del Gruppo possiede un abito tradizionale. Si tratta di abiti da festa – quindi eleganti – di fine ‘800, tipici di Belluno città e campagna. Sono quasi tutti abiti personali, ricreati tenendo fede a ornamenti e tessuti, come il velluto o il “gramolon” per fare le ampie gonne delle donne. Un particolare dell’abbigliamento è rappresentato dalla corona degli spilloni d’argento. Un ornamento che siamo abituati a vedere sulle immagini di Lucia dei Promessi Sposi, quindi dalla zona del Lago di Como. Ed è proprio da lì che è giunta nel bellunese questa tradizione: le donne andavano infatti a fare le balie dalle famiglie comasche e, ritornate in patria, portavano con sé l’usanza di questo particolare ornamento per i capelli. La corona degli spilloni è diventata poi dono di matrimonio per la sposa, con quanti più spilloni quanto era benestante la famiglia che lo donava.

«Quest’anno abbiamo trovato una buona collaborazione da parte dell’amministrazione comunale, un elemento per noi importantissimo. Per il futuro ci auguriamo di riuscire a mantenere vivi i contatti con i gruppi all’estero e magari fare qualche viaggio, ad esempio in Argentina come nel 2006, o di far fiorire i nostri contatti con la Federazione Folk La Serenissima dal Brasile» conclude De Bona. «Speriamo attraverso la nostra passione di riuscire a trasmettere sempre più l’importanza e la bellezza delle tradizioni popolari e che questo venga riconosciuto come proprio dalla comunità locale.»

I membri del Gruppo Folcloristico Nevegàl si ritrovano una volta a settimana al Circolo Val Cicogna di Castoi. Si tratta di circa 25 appassionati delle età più variegate, dai 20 fino agli 80 anni. Il Gruppo è specializzato in balli della tradizione a coppia, ma oltre a ballerine e ballerini, sono importantissime le figure dei musicisti: fisarmonica, violino, chitarra, contrabbasso, flauto e molto altro. La musica dei balli è sempre suonata dal vivo, quindi il musicista è un tesoro di cui non si può fare a meno. Il Gruppo è aperto ad accogliere chiunque fosse interessato a provare anche solo una serata insieme a loro.

Prossimo appuntamento? Potrete ammirare le danze del Gruppo Folcloristico Nevegàl alla Sagra del Ciclamino di Meano durante l’ultima settimana del mese di agosto.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.