800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

GLI INFINITI COLORI delle DOLOMITI

Belluno Pride

GLI INFINITI COLORI delle DOLOMITI

Belluno Pride

Mentre si dà spazio alla creatività e a se stessi, un grande ed importante momento di presa dello spazio pubblico getta le basi in un piccolo ma vivace gruppo che si incontra presso la Casa dei Beni Comuni, ex Caserma Piave, a Belluno.

Cartelloni, striscioni, ma anche struttura, schemi e organizzazione sono le operatività che si ricercano per il prossimo 15 luglio, giornata in cui prenderà luogo il primo Belluno Pride.

«Il Pride è un evento pubblico, un’occasione di consapevolezza, una festa per alcuni, ma anche un momento di lotta politica che si celebra in tutto il mondo a partire dal 1970» spiegano i referenti del gruppo C.I.A.O – acronimo di Comitato inclusivo azione e orientamento – di Belluno.

«Molti bellunesi pensano che gli LGBTQ+ esistano solo nelle grandi città, invece noi esistiamo anche qui, tra queste montagne! Il 15 luglio usciremo per la prima volta in pubblico con una manifestazione aperta a tutti. Speriamo anche nella presenza delle pubbliche amministrazioni a sostegno di questo momento significativo, per aprire un dialogo ma soprattutto per dare una dimostrazione di attenzione e presenza ad una causa che crediamo debba essere parte di quelle che rappresentano il nostro territorio».

Già lo scorso aprile e maggio si sono tenuti diversi eventi di avvicinamento e sostegno al Pride di Belluno come la presentazione del libro di Mattia Zecca “Lo capisce anche un bambino. Storia di una famiglia inconcepibile” proprio sul tema attuale del riconoscimento delle famiglie cosiddette “arcobaleno”. Anche a giugno e inizio luglio non mancheranno momenti di dialogo, condivisione e raccolta fondi «Si tratta di un insieme di eventi propedeutici all’avvicinamento dei temi che affronteremo anche in pizza durante il grande giorno. Stiamo anche cercando di autofinanziare il Belluno Pride, per questo motivo organizziamo gli APERIC.I.A.O.. Tutte le date e i dettagli sono disponibili nelle nostre pagine Facebook e Instagram »

La macchina organizzativa è già a pieno regime, c’è già anche una manifesto, cuore pulsante di questa iniziativa, che ha visto le prime adesioni di più patronati, associazioni e organizzazioni, ma anche privati cittadini. Il manifesto Belluno Pride è sottoscrivibile da chiunque voglia abbracciare questa causa, con una semplice mail a bellunopride@gmail.com.

In questo documento, ancora una volta si parla di formazione trasversale sulle tematiche legate al genere, orientamento e identità, di tutela dell’individuo, del gruppo e della famiglia, di educazione alle differenze e al rispetto: «Belluno Pride nasce perché vogliamo che le persone non abbiano paura. Il nostro desiderio più profondo è che questa Provincia non sia più un luogo da cui voler scappare, dove vi sono disservizi ma palesi solo a chi si scontra con queste carenze. All’interno del manifesto troviamo argomenti che partono da noi, ma interessano tutta la comunità. Il nostro motto è “INFINITI COLORI DELLE DOLOMITI”, una presa di coscienza del fatto che la diversità è un valore intrinseco della società in cui viviamo, anche qui, nel bellunese!»

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.