800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Femene e Donne

Femene e Donne

Fin a qualche an fa, i omi i eri Omi co la “o” maiuscola e le braghe i casa i le portèa sempre e solche lori. Paròi de casa! La moglie o consorte la portèa an unico nome o mejo sostantivo: fémena!

Mai an on al se sarìa inventà de ciamar “moglie” la so consorte; al massimo al la ciamèa co’l nome proprio: Nina! Mèlia! Nana! Sì, de fato la fèmena de casa la era fondamentalmente serva del focolare, lavoratrice a tempo pieno, fatttrice de sc-ière de pupi e tata de lori. Anca l’On laorèa la so part, ma par tut al resto al vegnèa servì. Servì a tola, servì del vestir, servì anca ntel lèt! Sfruttamento? Poc rispèto? Ignoranza? Sistemi patriarcali? Mi no sono in grado de decifrar sto percorso che al é durà par secoli o mèjo par millenni e che, in parte, al dura ancora.

Ancoi la menada la è cambiada o mèjo la parerìa drio cambiar. I omi i é deventadi “mariti” e le fémene “mogli” o “Amore”. I omi i é daspéss “compagni” e parecchio collaboratori. I broa su piati, i tira l’aspirapolver, i fa le lavatrici, i cambia panesèi, qualchedun stira, i porta via le scoazhe e… tant altro. Robe che quaranta-zhinquanta ani fa averìa “gridà vendéta al cospèto de Dio” se lo avèsse fat an on! No esistìa proprio!

Avon fat an pass avanti o mèjo, avendo fat an pass indrìo, l’avon fat finalmente avanti! Bene, bèl, ma… de pì: giusto! La robe le va condivise in doi e l’è legitimo che la donna, la moglie, la àbie al so temp e al so spazio anca par se stessa olte che par la faméja e par so marì. Ma al fato de aver trasformà i omi in specie de “mame” alo davero portà an vero progress ntela parità del genere?

No spèta zhèrto a mi risponder a sto contesto cossì variegà e intrigoso. An tempo la fémena de casa la se sentìa comunque totalemnte protèta e al segur con so On, e l’On l’era so’ custode fedele e al ghe garantìa piena protezion. Guai tocarghe la so fémena! Magari colaborar gnint, ma guai tocarghe la sposa! L’era scrit sul pato de matrimonio giurà davanti al prete, l’era scrit ntei pati e articoli civili, e i giuramenti de fedeltà e de impegno i dovèa esser sol che mantegnesti e rispetadi. Ghen’dèa dela reputazion e dela dignità del’On!

Ancoi co’ la parità de genere, ma con decisamente manco Valori in corpo, pur con tanti omi che tràfega par casa con pignate, lavatrici e aspirapoleri, no me par che avone ragiunto grandi risultati. Ogni sera, co impizhon la televison, i titoli dei telegiornali i propone storie da sgrìsoi! Fèmene mazhàde an di sì e quel’atro anca.

No me par che zhinquanta ani fa, quando che i omi i se sentìa totalmente Omi, girèsse tute ste notizie tristi e tragiche. Va ben jutar e colaborar in casa co la moglie o compagna, ma non crede che sia questa, o sol questa, la giusta parità de genere. Al percorso e la progeto pense che al sia ben altro e ho l’impression che servirà purtroppo ancora temp, e tant, par scalfir quel senso quasi natural de onnipotenza, che da sempre contraddistingue la nostra figura de Omi co’ le braghe!

Intant comunque finalmente qualcossa se move. Dene na man anca oàltre, fémene, no… scusé, donne, parché noi omi nostra posta no ghe la faron mai!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.