800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Dizionario in bottiglia

"Natura"

Dizionario in bottiglia

"Natura"

Quando torneremo a non inquinare l’acqua? Ho imparato a ripetermi ogni giorno questa domanda, non certo per sentirmi meno in colpa, ma per non perdere di vista la situazione reale. Natura e uomo per migliaia, se non milioni di anni, hanno partecipato entrambi alla propria coesistenza, l’uno parte dell’altra, senza tante ideologie o approcci scientifici che ne potessero minare il legame.

Poi l’uomo ha cominciato ad inquinare l’acqua, unica fonte di vita insieme al sole per questo pianeta. La normalizzazione di tale attitudine è ormai pacificamente accettata da tutti: ci preoccupano le alluvioni, gli uragani, il caldo torrido, l’aria irrespirabile, lo scioglimento dei ghiacciai, ma l’inquinamento delle acque ormai è passato in secondo piano. Ogni tanto qualcuno ci mostra una foto con l’oceano sommerso dalla plastica o qualche tartaruga soffocata da un sacchetto, però non fa neanche più notizia.

Quando torneremo a non inquinare l’acqua? Semplicemente quando smetteremo di consumare. L’equilibrio tra uomo e Natura si è perso ormai nelle profondità del nostro egoismo. La Natura ci ha insegnato fin dagli albori della nostra esistenza che cosa vuol dire vivere secondo un equilibrio. Che cosa vuol dire alzarsi con il sole e vivere secondo le stagioni, le temperature, il vento, la luna e le stelle. Ce lo aveva ripetuto anche un certo San Francesco d’Assisi, ma, a parte imparare a memoria i suoi versi a scuola, non è che abbiamo combinato un granché a riguardo. L’uomo non fa più parte della Natura da quando è diventato un consumatore.

Ormai lo sappiamo: produciamo molto più di quello di cui effettivamente abbiamo bisogno. Eppure passiamo intere giornate in fabbrica, negli uffici, sulla strada. E sappiamo che non è una vita equilibrata. Ma non riusciamo più a farne a meno. Continuiamo a consumare, consumare, consumare. Non ci salveranno le auto elettriche, assolutamente no, perché anche la produzione di auto elettriche fa parte ormai di una catena di consumo, e per produrle e farle funzionare non smetteremo sicuramente di inquinare e di sporcare questo pianeta. Dobbiamo consumare di meno. Guidare di meno. Sprecare di meno.
Lavorare di meno. Rallentare. Per vivere di più. La Natura ci ha insegnato il valore dell’abbondanza, grazie alla cooperazione di tutti gli elementi e gli essere viventi che permettono quell’abbondanza. Pensiamo a un melo nella stagione della raccolta: che abbondanza! Ma quanta cooperazione per arrivare a quel risultato, tra insetti, clima, pianta. Noi esseri umani siamo dediti all’abbondanza, ma nel modo sbagliato: attraverso l’egoismo, attraverso un consumo che porta ad un piacere prettamente personale. Non certo equilibrato, basta vedere come vive una parte del mondo. E allora, quando torneremo a non inquinare l’acqua?

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.