800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Coro Monti del Sole

50 anni di ricordi

Coro Monti del Sole

50 anni di ricordi

Entrare nella sede di un coro è un po’ come sfogliare un vecchio album di fotografie: alle pareti decine e decine di immagini incorniciate, cartoline appese alla rinfusa, articoli di vecchi giornali, oggetti delle più particolari fattezze. Ogni cosa è un piccolo trofeo ed è lì per raccontare una storia piena di incontri, esibizioni, viaggi ed emozioni. Il visitatore viene rapito per un attimo dalla storia di quel gruppo di persone che lì, tra quelle quattro mura, ha condiviso una vita, come quasi una famiglia.

La storia del Coro Monti del Sole è iniziata nel 1971, giusti 50 anni fa, quando un nutrito gruppetto di giovani ha pensato che al Mas mancasse un coro.

Con l’amico Toni Bertoldi alla guida si sono radunati i primi volontari ma si trattava di cercare un maestro! L’ambizione era grande e tra i primi ad essere contattato fu il maestro Paolo Bon, che non poté accettare per i troppi impegni, ma fece un nome: un musicista discreto, come lo definì lui stesso, ma dalle innate doti musicali e con una geniale capacità di direzione. Si trattava di Gianni D’Incà, direttore del “Piccolo Coro di Codissago”, un sodalizio femminile a quattro voci come all’epoca erano solo i cori a voci virili. Fu difficile convincere Gianni, uomo umile e riservato… ma naturalmente i componenti ci riuscirono! Il maestro pretendeva fin da subito serietà, impegno e costanza alle prove. E così piano piano il coro prese forma fino alla presentazione ufficiale all’ex cinema “La Perla” di Sedico nel settembre 1972. Padrino della serata il maestro Bepi De Marzi il cui affetto ha accompagnato il coro fino ai giorni nostri.

Presidenza e segreteria furono affidati a Luciano Casagrande e Giuseppe Cargnel; quest’ultimo ebbe un ruolo essenziale per i primi contatti: ben presto fiorirono trasferte memorabili in moltissime località abitate da ex emigranti: Francia, Belgio, Lussemburgo, anche più volte l’anno, riscuotendo consensi fra le amministrazioni pubbliche al punto che il coro arrivò ad esibirsi anche presso il Parlamento Europeo in Lussemburgo. Altra importante occasione fu l’udienza del papa a Roma e il concerto al cospetto del Cardinal Luciani. Si narra che questi fu dal coro proclamato papa molto prima che questo accadesse. Quale beneaugurante profezia!
Moltissime trasferte furono accompagnate dal Piccolo Coro di Codissago. Viaggi impensabili, ore e ore a bordo di pullman che non godevano del comfort di oggi. Eppure ricordi indelebili come l’esibizione, dieci anni dopo, presso il Moulin Rouge a Parigi. Il primo, e probabilmente l’unico, coro di musica popolare di montagna ad aver cantato presso il più “hot” dei teatri dell’epoca!

Il primo cambio di direzione avvenne nel 1990 quando per motivi di salute il maestro Gianni D’Incà ha dovuto lasciare il “suo coro”. Fu invitato alla direzione il maestro don Sandro Capraro che proseguì l’attività con grande impegno fino al 1993 quando lo sostituì Paolo Bittante, artista eclettico e di robusta personalità che diede una nuova impronta originale al coro. Purtroppo per poco tempo; se ne andò a causa di un infarto nel 1995, a distanza di appena un mese dalla scomparsa di Gianni D’Incà.

Dopo un doloroso capitolo, il coro è ripartito grazie all’entusiasmo di un giovane e talentuoso maestro. Con la direzione di Luca Lotto e la guida organizzativa del presidente Umberto Dall’O il coro è arrivato fino ad oggi: altri 25 anni di storia piena di enormi soddisfazioni con centinaia di concerti, decine di trasferte dentro e fuori i confini nazionali, un tessuto di relazioni longeve.
Nel 1996 iniziò una ricca collaborazione con le realtà corali di Modena che permisero di partecipare ininterrottamente per quasi vent’anni ad una delle più prestigiose rassegne corali della zona. L’amicizia nata con i cori e con il pubblico è e sarà per sempre una delle pagine più emozionanti.

Bellissimi anche i numerosissimi concerti in Val Badia, davanti a centinaia di turisti. Le trasferte più memorabili in Svizzera, Sardegna, Austria, Albona, Croazia, Francia, Argentina e Perù. Dal 1998 il coro organizza due rassegne: una invernale a Sedico in ricordo dei maestri scomparsi D’Incà e Bittante, con prestigiosi gruppi ospiti da fuori provincia, e una estiva a Sospirolo, vocata ad allacciare amicizie con realtà corali locali.

Non è mai mancata nei componenti la sensibilità a partecipare ad eventi culturali o religiosi dei nostri paesi, con gruppi e associazioni locali, come anche nelle case di riposo della provincia. Dopo la prima incisione del disco LP “Là dove senti cantare” del 1978, seguono due incisioni su cd: “Là dove senti cantare 2” e il più recente “Favole”.

Continua ancora oggi, con passione, la direzione del maestro Luca Lotto affiancato dal nuovo presidente Ivano De Simoi e tante sono le idee e le iniziative già in corso di organizzazione. Auguri Coro Monti del Sole!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.