800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Ciao caro Espedito

orgoglio della comunità

Ciao caro Espedito

orgoglio della comunità

È andato avanti, lo scorso 2 giugno, Espedito Pagnussat, un’istituzione per la comunità, un grande amico e storico collaboratore anche per noi de “Il Veses”.Per diversi anni vicepresidente della Pro loco di San Gregorio nelle Alpi, dal 1980 e per oltre 40 anni ne è stato presidente.

Prima segretario, dal 2001 al 2018 è stato presidente provinciale dell’Unpli Belluno. Per diversi anni è stato segretario del Consorzio Pro loco Pedemontane “Val Belluna”. Nel 2020 gli è stato conferito il titolo di consigliere onorario delle Pro loco venete.

Una perdita dolorosa non solo per la comunità di San Gregorio, ma per tanti gruppi associativi, in primis gli Alpini del suo paese, sempre seguiti con passione.

Ai funerali, lo scorso 5 giugno, hanno preso parte tante rappresentanze dell’Unpli, compresi il presidente regionale Follador e quello provinciale Praloran. Hanno portato un messaggio di cordoglio sull’altare, oltre all’Ana, con Fabio Minella, anche i rappresentanti delle Pro loco di San Gregorio (Rita Ceschin e Paola Conz) e Soranzen (Diana Meneguz).

IL SALUTO DEL VESES
368 gli articoli scritti per noi in 25 anni di edizione e la sua collaborazione è iniziata praticamente subito, col quarto numero. I suoi primi articoli del marzo 2001 riguardano proprio la sua cara Pro loco, il Consorzio Valbelluna e l’associazione Cagnabale. Dobbiamo aspettare solo il mese seguente per leggere del Gruppo Alpini (aprile 2001), proprio di fianco all’annuncio del suo nuovo ruolo come presidente Unpli Belluno. Nello stesso anno a maggio scriverà della locale Unione sportiva, a giugno del Palio delle frazioni.

Nel marzo 2002 ecco il primo articolo dedicato al “suo” Museo delle Zoche e, nell’ottobre dello stesso anno, scrive della prima grande festa della smonticazione. Ma seguono anche ritratti di gente di Roncoi (novembre 2002), i tanti “Invito a teatro” (dicembre ‘22) e, nel corso del tempo, il carnevale dei bambini, la festa della fragola, ecc. Nel novembre 2003 annuncia la dipartita di Giulio Gazzi, mentre poi scriverà della scuola dedicata a Loris Giazzon (maggio 2004), della Fondazione De Conz (luglio 2004), di persone come Luca Marchioro (febbraio 2010) e di attività locali (aprile 2012).

Nel novembre ‘22 scriviamo del Premio in ricordo di Berto Ceol a lui assegnato dalle comunità sangregoriese e sospirolese. L’ultimo suo articolo a febbraio di quest’anno era dedicato agli Alpini e si chiude così: “Il 2024 vedrà il sodalizio proporre le consuete iniziative oltre alla celebrazione del 70° di fondazione del gruppo il 31 agosto e il 1° settembre”. Sicuramente gli Amici Alpini sapranno ricordarlo e omaggiarlo con orgoglio.

IL SALUTO DELLA PRO LOCO
Espedito: guida, amico, maestro, volontario, presidente e tanto altro ancora. Lui non parlava mai di sé, alla parola preferiva l’azione, quell’azione non fine a sé stessa, che si trasforma in buon esempio. Ed Espedito, è stato l’incarnazione del buon esempio, e la grande famiglia della Pro Loco nel salutarlo e nel ringraziarlo per tutto quello che ha fatto, si è impegnata a portare avanti l’associazione e le attività con lo spirito di servizio e di gratuità che lui ha insegnato. Sarà per sempre presente al Museo Delle Zoche e Della Tarsia, che tanto gli era caro, attraverso l’opera donata dallo Scultore Luciano De Barba e a lui dedicata dalle donne della Pro loco. La sua Pro loco lo immagina già accanto al caro Giulio Gazzi, suo mentore.

IL SALUTO DEGLI ALPINI
Dagli anni 70 Espedito ha sempre fatto parte del Gruppo Alpini, consigliere a Feltre per anni e poi segretario, di fatto quella con l’Ana è l’unica carica mantenuta sino alla fine. Anzi, era al lavoro per preparare il meglio per il settantesimo anniversario. Voce di tutte le manifestazioni, gli amici Alpini (di San Gregorio e di Paderno) lo ricordano con affetto e per il grande apporto in segreteria e nelle pratiche burocratiche, pur a volte scontrandosi, come altre realtà, con il carattere determinato. La sua vita, di fatto, era l’associazionismo locale!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/07/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”