800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Cesio Solidarietà

Assistenza, Cultura, Sociale

Cesio Solidarietà

Assistenza, Cultura, Sociale

L’associazione Cesio Solidarietà nasce nel 1989 su suggerimento di un gruppo di cittadini che intendeva fondare un’associazione destinata all’assistenza delle persone più deboli. Essa venne costituita inizialmente come Organizzazione di volontariato, ma con l’entrata in vigore del Codice del Terzo settore, nel 2021 ha assunto la dicitura di Odv (Organizzazione di volontariato) in luogo di onlus.

La sede si trova a Cesiomaggiore, accanto alla casa di riposo. Qui vengono coordinate le attività, le quali si suddividono principalmente in tre ambiti: assistenziale, culturale e sociale.
Uno degli scopi dell’associazione è, infatti, quello di promuovere azioni di solidarietà ed assistenza ad anziani attraverso attività ricreative e di compagnia nelle strutture sanitarie, ma anche di garantire un accompagnamento per eventuali visite mediche. Un grande aiuto in campo sociale è inoltre fornito, in accordi con il Comune di Cesiomaggiore, da una serie di volontari incaricati di accompagnare i bambini alla scuola dell’infanzia.

Per quanto riguarda il fronte culturale, invece, vengono organizzate delle uscite con il fine di far conoscere meglio il territorio bellunese ed i suoi aspetti storici.

Non di minore importanza è l’aspetto dell’integrazione, il quale, attraverso l’erogazione di contributi economici, permette alle famiglie in difficoltà di acquistare legna o di pagare le bollette. Oppure, venendo incontro alle spese per le attività extra-scolastiche, si è data la possibilità ai ragazzi dell’Istituto comprensivo di Cesiomaggiore di partecipare alle giornate sulla neve. Ed, infatti, sempre con lo spirito di combattere la marginalizzazione, Cesio Solidarietà si occupa con il Comune anche del progetto RIA (reddito inclusione attività), il quale è rivolto a persone difficilmente ricollocabili nel mondo del lavoro, con il fine di poterli reinserire e dar loro la possibilità di sentirsi di nuovo autonomi.

Temi molto importanti anche per quanto riguarda i più giovani: per questo l’associazione ha aderito nel 2023 alla richiesta di collaborazione per la realizzazione del progetto “Volontariato giovani”, rendendosi disponibile ad accettare ragazzi da inserire in qualche mansione nel periodo estivo.

Numerose sono infatti le attività che vengono svolte, da quelle più pratiche agli incontri formativi. Per questo motivo c’è la necessità di più persone disposte a donare il proprio tempo.
Attualmente si contano 20 volontari e 100 associati, un numero che purtroppo negli ultimi anni si è ridotto, come spiega la presidente Licia Cappellin, nella speranza di reperire nuove figure.

A tal proposito, infatti, c’è stata anche di recente la partecipazione a un progetto, proposto dal Comitato d’Intesa e finanziato dal Csv Belluno Treviso, di reclutamento dei volontari, con lo scopo di coinvolgere altre persone disponibili a collaborare in modo attivo con l’associazione.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/05/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”