800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Capitelli dimenticati

ricchezza invisibile del territorio

Capitelli dimenticati

ricchezza invisibile del territorio
Capitelli dimenticati - Foto Walter Argenta (2)

Tra le vie dei centri abitati c’è un patrimonio dall’inestimabile valore storico e culturale che nasconde la sua ricchezza tra una pietra e un mattone. Già nel 2001, nell’ambito del programma regionale Leader II del Gal2 “Prealpi e Dolomiti bellunesi e feltrine”, l’allora Comunità montana Val Belluna pubblicava l’”Atlante dei capitelli, cappelle, edicole, con piani di restauro e conservazione”, un progetto di studio, inventario e catalogazione di un prezioso patrimonio della tradizione popolare dei Comuni di Sedico, Sospirolo e Limana. All’interno del progetto sono state svolte attività di inventariazione, catalogazione, schedatura delle testimonianze minori del patrimonio pittorico-figurativo e architettonico del territorio, come capitelli, cappelle, edicole, immagini.

Queste opere d’arte minori sono quasi totalmente mancanti nei centri abitati più importanti e lungo le principali arterie stradali, dove un tempo sicuramente esistevano, segno che il forte sviluppo demografico, edilizio e infrastrutturale ne ha cancellato i segni e la presenza. La loro presenza è invece diffusa nei piccoli centri o lungo itinerari antichi in passato percorsi da processioni, pellegrinaggi e rogazioni. Molte di queste opere sono di proprietà privata: alcune si trovano all’interno delle stesse proprietà, accudite e restaurate dai proprietari generazione dopo generazione. Altre appartengono invece alla frazione o a gruppi di famiglie, lontano ricordo di quando il “cortivo” era un’istituzione e una piccola società. Richiamano una tradizione popolare che rischia di essere dimenticata, in cui la tradizione religiosa era strettamente legata alle abitudini delle famiglie e ai momenti di incontro tra paesani.

Nel territorio del Comune di Limana sono stati censiti 29 manufatti, tra capitelli, edicole, pitture murali e altari. Essi sono individuati lungo tre itinerari ai quali si aggiunge il percorso della Via Crucis, a sé stante per la sua unicità:

Itinerario 1: da Limana a Valmorel attraversando la strada comunale della Val Fiera, da Cesa a Pieve di Limana, Canè, Triches, Navenze e Valmorel, con due brevi deviazioni a Polentes e Cross. È l’itinerario più ricco di testimonianze e conta ben 12 capitelli e 5 edicole.

Itinerario 2: da Valmorel a Limana percorrendo la strada comunale della Valpiana e toccando Laste e Giaon. È caratterizzato dalla presenza di due importanti capitelli: quello di Laste, sicuramente il più antico del Comune, e quello di Santa Rita in Valpiana, indissolubilmente legato alla figura di Dino Buzzati. Lungo il percorso due testimonianze minori, un “tariol” e una piccola edicola.

Itinerario 3: si snoda tra Limana, Navasa e Ceresera, nella valle del torrente Cicogna. È un percorso lungo il quale vi sono solo tre manufatti, uno dei quali è rappresentato dall’originale capitello di Coi di Navasa.

Galleria Immagini

Hai bisogno di noi? Chiamaci al Numero Verde 800 038 499

Aut. del Trib. di Belluno n. 17 del 24.11.2000. Direttore Responsabile: Federico Brancaleone. Sede Legale: via Pulliere 19 Santa Giustina – Redazione: via Gron, 43 – 32037 Sospirolo (BL) – ITALY. 

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.