800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Assaggi di libri

una rassegna per guardare il mondo con occhi diversi

Assaggi di libri

una rassegna per guardare il mondo con occhi diversi

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.” – Marcel Proust

Ed è un viaggio che Paolo Tormen, accompagnatore di media montagna, propone a Limana con la rassegna “Assaggi di libri”, un suggerimento a guardare il mondo e la realtà con occhi nuovi e prospettiva diversa. È il racconto di esperienze piccole e grandi che sono comunque forme di movimento che contengono il cambiamento, esperienze fisiche e della mente, storie di viaggi nel tempo e nello spazio.

Il primo ce lo regala Alberto Cancian, portatore sano di positività, come lo definisce Licia Colò, che così continua: «Lo dicono le persone che lo circondano e che lo aiutano nelle sue tante iniziative finalizzate a far conoscere il mondo. Persone speciali che questo pianeta lo vivono appieno e ce lo raccontano in tanti modi diversi.» Fondatore di Ri-natura che riscopre e valorizza la natura e la montagna pordenonese, suggerisce pratiche di ri-connessione alla Natura per infondere pace, serenità e forza attraverso passeggiate consapevoli e attività sensoriali.
Il progetto si basa sulla rinascita dell’essere umano e della sua consapevolezza, è la risposta all’esigenza di vivere un’esperienza che permetta di riscoprire se stessi, di ritrovare il benessere esteriore ed interiore. Mercoledì 7 dicembre l’autore presenta il suo libro “Il viaggio di Gioia”. In queste pagine la protagonista Gioia, una bambina che nel sentiero della vita diventa grande e trova se stessa, ci accompagna verso destinazioni geografiche ed interiori.

Il secondo è un viaggio nello spazio e nel tempo della storia narrato da Matteo Melchiorre nel suo ultimo romanzo “Il duca”. Ambientato in un paese di montagna, che assomiglia ad uno dei nostri, ha come protagonista l’ultimo erede di un nobile casato ormai estinto che ha deciso di andare a vivere nell’antica villa di famiglia alle pendici del monte. Quest’uomo mite si trova a fronteggiare un nemico prevaricatore su una storia di confini. Scoprirà che, a dispetto di se stesso, nella sua natura vi è uno spirito di competizione che non sapeva di avere. La conclusione del romanzo, la cui tensione è mantenuta magistralmente alta, è sorprendente e naturalmente non va rivelata se non con la lettura.

Il terzo cammino si compie con lo zaino in spalla e gli scarponi ben allacciati. Daniele Zovi, nato a Roana nell’altopiano di Asiago, racconta la sua esperienza nel libro” In bosco”. Passo dopo passo descrive la bellezza del paesaggio, interpreta i segni della natura che conosce così bene e ci fa emozionare davanti alla vita segreta del bosco, al gallo cedrone che sa mascherarsi mimetizzato nell’erba, al lichene che brilla controluce perché visitato da una lumaca, alle formiche indaffarate a riparare i danni del picchio. L’andare a piedi, afferma Daniele Zovi, aiuta il recupero della memoria e del tempo interiore ed invita ad ascoltare l’aria tra le foglie e il cuore.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.