800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Arrigo Lotto

90 anni e non dimostrarli

Arrigo Lotto

90 anni e non dimostrarli

A Sospirolo iniziò a costruire case, poi ad acquistare terreni, lottizzarli e vendere case finite. «Qua sot ho costruì e fermà qua a Sospiroi 14 fameie che le sarìe ‘ndate a star o a Santa Justina o a Sedego! Quando che l’è bel temp, mi me mete qua sula terraza e varde sti quindese tosatèi che va vanti indrìo sul cortivo col triciclo o dugar al balòn». Gli occhi di Arrigo si illuminano di gioia!

LEGNO, PRIMO AMORE
Allora, Arrigo, quando che te ha mes via la cahôla, te ha tolt la sega sule man!
«No – dice lui – prima ho taià e mes via al legn a secar, e dopo ho tolt in man la cahôla. E adeso continue a taiar a secar e portar in segheria. Al legn al l’è sempre stat ‘na me pasion, ho pì de 20 mila metri de bosc e ho legn sec a straha balòn! ».

Ma, Arigo, ghe ol savér secar e taiar al legn. Varditu la luna?
«Mi no so se serve o no serve, ma ho sempre taià con “nìa de luna” o comunque calante, pì piciola che sie e lontan dai colmi, meio de novembre. A novembre finis l’alimentazione de le piante, la linfa la se ferma, ti te le taia, possibilmente co’ la zima che la casche in do, che qua da noi no l’è gnaca dificile, visto che le tut al va in do, così la linfa la se scarga, quel al sarà sempre legn bon, sia da far fogo che da far careghe».

Un’esperienza costruita ascoltando “i veci”, ma la maggior parte personale. «Io ho sempre piantato nei miei boschi piantine nuove, cinque anni fa ho messo in terra oltre 5.000 ghiande per far ripartire i roveri che da noi sono quasi scomparsi come gli olmi e i castagni… ghe ne tant agre (acero). Mi basterebbe ne nascessero 500, ma debbo aspettare ancora perché il seme di una ghianda germoglia dopo 5/6 anni».

«I bosc che ghe ne par de qua i è mei, ason star la proprietà, i è mei come afetto, se ‘na persona la se permete de piantar anca an cortelin su ‘na pianta, mi ghe core drìo col s-ciop. Mi le piante le toche, le palpe, specie i frasen che i è tondeti come le femene!».

TORNIO NUOVO
Arrigo mi fa vedere la scaffalatura con tutti i contenitori in legno che lui lavora con la tecnica del tornio per legno. «I è pronti par al prete de Sospiroi, così lu al se paga al Bollettino parrocchiale».

Poi mi fa entrare nel laboratorio e orgoglioso mi mostra l’ultimo macchinario acquistato. «Questo al vien da l’Austria, da la Stiria. Quel che al me l’ha vendesta al me ha vardà e al me ha dit: “Ma ti compritu ‘na machina a novanta ani?”. Ghe ho rispondest: “Ti te interesa i schèi, mi la machina, veditu che ‘ndon d’acordo!”. Quello che ha appena acquistato è il quarto tornio, questo è il più grande. «Il legno l’ho sempre lavorato con il tornio. Ho provato, sbagliato, buttato via decine di pezzi, ovviamente nella stufa, tagliato le dita, continuo a prendere “pacche botte” nonché “ris-ce” e a imparar a “cener indrìo”».

Arrigo è pericoloso?
«Tut al l’è pericoloso, anca saltar do dal let!».

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.