800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Althletics Summer Camp

conclusa la terza edizione tra sport e divertimento

Althletics Summer Camp

conclusa la terza edizione tra sport e divertimento

S

i è conclusa la terza edizione del centro estivo Athletics Summer Camp organizzato dalla società sportiva di Borgo Valbelluna GS La Piave 2000: due settimane interamente dedicate allo sport, al divertimento e ad altre attività multidisciplinari per un centinaio di giovani tra i 5 e i 13 anni.

Il Camp si è tenuto sulla rinnovata pista di atletica leggera degli impianti sportivi di Pagogna, in località La Lora, ed è stato diretto da cinque giovani laureati in Scienze motorie – Francesca Comiotto, Alessandro Schievenin, Patrizia Nessenzia, Nicole De Salvador e Simone Zaccaron – già attivi all’interno della società sportiva presieduta da Patrizia Tremea. Al loro fianco, in veste di aiutanti, anche una decina di giovani atleti della società. I ragazzi hanno scoperto l’atletica, nelle sue varie forme, ma l’Athletics Summer Camp non è stato solo questo. «La parola d’ordine è multidisciplinarietà» spiega Francesca Comiotto. «Ci siamo dedicati all’atletica in orario mattutino, mentre nel pomeriggio abbiamo lasciato spazio agli sport e all’attività di squadra, grazie anche al coinvolgimento di altre realtà del territorio.» 

I partecipanti hanno così scoperto le attività dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – UICI. Si sono divertiti, nelle ore più calde della giornata, con i giochi di società messi a disposizione da Cartolandia. Hanno appreso i rudimenti della palla ovale grazie al Rugby Feltre. E sono diventati “casari” per un giorno, alla Fattoria Bepi Zumelle, imparando a produrre il formaggio come si faceva una volta.  

Con il Camp hanno collaborato anche Lattebusche, la pizzeria Salinas e il concessionario Hyundai-D’Incà. «È stata una bellissima esperienza, molto varia e divertente. I ragazzi erano entusiasti e abbiamo ricevuto anche tantissimi complimenti dai genitori» conclude Comiotto.

Le esperienze degli animatori

Senza il prezioso contributo dei giovani atleti di GS La Piave 2000 che hanno voluto mettersi alla prova come animatori e animatrici, il Summer Camp non sarebbe di certo stato lo stesso. Abbiamo chiesto loro di raccontarci l’esperienza.

Giorgia, 17 anni –  «Sono animatrice al Summer Camp dalla prima edizione e ogni anno mi diverto sempre di più, e soprattutto imparo sempre qualcosa di nuovo. Stare a contatto con i bambini mi è sempre piaciuto e altrettanto cercare di insegnare loro qualcosa. Mi sono sentita apprezzata da bambini e ragazzi e questa è la cosa che più conta per me:. E poi, trascorrere due settimane con i compagni di atletica e collaborare per far funzionare al meglio il Camp non ha prezzo… sicuramente è impegnativo ma quando ci si diverte la fatica passa in secondo piano. Ho imparato e capito quanto sia importante e bello lavorare insieme.»

Francesca, 21 anni – «Dare una mano durante il Camp è un’esperienza molto gratificante. È bello sapere che nel tuo piccolo contribuisci a far conoscere l’atletica in modo divertente ai bambini della zona. Dà soddisfazione vedere i bimbi che si divertono anche grazie a te e ancora di più quando, dopo il camp, apprezzano il nostro sport tanto da iniziare a praticarlo. All’inizio arrivano controvoglia e devi prenderli dai genitori per manina, poi arrivano di corsa entusiasti. Io sto studiando scienze della formazione primaria, quindi è anche un’occasione per fare esperienza. Inoltre, dare una mano al Camp è un modo per stare con i compagni di squadra fuori dal contesto dell’allenamento e fare gruppo, elemento importantissimo anche in uno sport individuale.»

Sara, 19 anni – «Esperienze come queste ti fanno crescere sotto ogni aspetto della tua persona. Quando poi vai a supportare la squadra che ormai è famiglia, lo sforzo viene a mancare: resta solo l’orgoglio di essere parte di tutto questo. Partecipare al Camp mi ha insegnato il valore della condivisione, non quella futile e materiale, ma di passioni e attimi di vita. Tengo con me il ricordo dei sorrisi assonnati dei bimbi alle otto di mattina che per qualche istante dimenticano di essersi appena svegliati e ti corrono incontro a braccia aperte. Il Camp è semplicemente una famiglia!»

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.