800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Alla ricerca dei conventi perduti

Il Convento delle mantellate

Alla ricerca dei conventi perduti

Il Convento delle mantellate

Iniziamo il nostro percorso “alla scoperta dei conventi perduti” dal primo convento che si incontra giungendo dai territori del Veses.
Ci troviamo in via Belluno, vicino alla rotatoria del “Pasquer”, a pochi passi dal centro vicino alla Madonna di Loreto.

Il convento delle mantellate viene fondato nel XVII secolo sotto la dipendenza degli agostiniani del vicino convento di Ognissanti, ed è questo il motivo per il quale le stesse appaiono con il nome di agostiniane nell’antica stampa.

L’ordine delle mantellate viene istituito da Filippo Benizzi nel 1286 come “religiose ospitaliere”. Nel 1724 queste monache ottengono dalla serenissima Repubblica di Venezia la riduzione del loro recinto a monastero formale nel borgo più orientale della città; successivamente ricevono l’autorizzazione per costruire un arco sopra la strada pubblica, l’attuale via Belluno, che congiungeva la loro abitazione con la chiesa della Madonna di Loreto (ancora presente). Nel 1734 ottengono l’uso definitivo della chiesa adiacente oltre la strada.

Secondo Antonio Vecelio il convento viene soppresso dalla Repubblica serenissima di Venezia per la povertà in cui versavano le religiose, ed esse vengono concentrate in parte nel Monastero di San Pietro in vincoli, dietro la Cattedrale e in altra parte presso quello di Santa Maria degli Angeli alla fine del secolo XVIII.

Oggi l’antica struttura conventuale ospita parte della residenza sanitaria per anziani del Comune di Feltre e il centro per i malati di Alzheimer. Anche oggi, dunque, questo luogo offre assistenza sociale a due categorie spesso emarginate: gli ammalati e gli anziani.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.