800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Albino Luciani il Papa del Sorriso

è tra i Beati

Albino Luciani il Papa del Sorriso

è tra i Beati

Il 4 settembre 2022 è una data che i bellunesi porteranno segnata nel calendario del cuore.
In una domenica un po’ piovosa, Albino Luciani (Papa Giovanni Paolo I) è stato proclamato beato da Papa Francesco: un uomo il cui pontificato durò lo spazio di un mattino, ma entrò nel cuore dei fedeli ed in particolare di noi bellunesi.

Luciani, di Canale d’Agordo, morì nel 1978 dopo soli 33 giorni di pontificato, per un infarto, nella sua stanza nel Palazzo Apostolico. Una morte così improvvisa da dare origine alla leggenda che fosse stato avvelenato: ma, come ha ribadito il segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin, non c’è alcun giallo: «La sua è stata una morte naturale. Dispiace che questo noir continui anche ai giorni nostri».

Un Papa semplice
Questo è il ritratto di Papa Luciani, firmato da Luigi Accattoli, e pubblicato il giorno in cui la beatificazione venne annunciata. “Papa Luciani […] ha modificato l’immagine papale […] Quel modo nuovo d’essere Papa, più semplice, più personale, più evangelico, egli l’ha mostrato più che attuato, ma mostrandolo ha influito sul successore, Papa Wojtyla, che in qualche modo l’ha portato a compimento. Scelse di chiamarsi Giovanni Paolo volendosi riallacciare ai due immediati predecessori Giovanni XXIII e di Paolo VI, i Papi del Concilio: e il successore Wojtyla confermerà quell’intenzione chiamandosi Giovanni Paolo II”.

La settimana successiva, questo importante evento è stato celebrato a Canale d’Agordo, suo paese natale. La cerimonia è stata officiata dal patriarca di Venezia, mons. Francesco Moraglia e dai vescovi dove il Papa aveva svolto il suo servizio da prete e da vescovo: mons. Renato Marangoni, di Belluno-Feltre, e mons. Corrado Pizziolo, di Vittorio Veneto..

Un ricordo personale
Sabato 26 agosto 1978 alle ore 19 dal comignolo della Sistina si alzò la fumata. «Habemus Papam», disse il cardinale Pericle Felici. Poco dopo apparve sul balcone della basilica Albino Luciani che, infrangendo il protocollo, parlò alla folla con un linguaggio semplice e comprensibile. In questo momento prese l’appellativo de “Il Papa del Sorriso”.

La mattina successiva, domenica 27 agosto 1978, ricordo che io, mio papà Bruno (dei Nate) e i miei fratelli Enzo e Maria Luisa, andammo a Canale d’Agordo per unirci ai tanti bellunesi che come noi accorsero a congratularsi con la famiglia del fratello Edoardo. Per 33 giorni “Belluno” fu al centro del mondo!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.