800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al passo con i tempi progettando il futuro

L’Associazione Culturale Veses ottiene il riconoscimento giuridico e diventa un’APS (Associazione di Promozione Sociale)

Al passo con i tempi progettando il futuro

L’Associazione Culturale Veses ottiene il riconoscimento giuridico e diventa un’APS (Associazione di Promozione Sociale)

Proprio a fine anno abbiamo trovato sotto l’albero, con grande soddisfazione, la letterina della Regione del Veneto che assegnava, con decreto nr. 655 del 3 novembre della Giunta Regionale, l’iscrizione al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (Runts) dell’ente “Associazione culturale Veses APS”, già iscritto nel Registro regionale delle Associazioni di promozione sociale (APS), che, per effetto di tale iscrizione, acquista la personalità giuridica. Il lettore ora si starà chiedendo che cosa significa tutto questo, pensando che sia il solito passaggio burocratico che caratterizza questo Paese. Un po’ di “burocratichese” c’è, ma il risultato è davvero importante. Vediamo di approfondirne i significati.

VESES, UN’ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
Il Veses aveva già acquisito il titolo di APS con il decreto nr. 57 del 7 ottobre 2021 della Regione del Veneto, (Codice Iscrizione PS/BL0146). Non ne avevamo dato pubblicità perché attendavamo il risultato dell’ottenimento del riconoscimento giuridico. Essere un’APS è un riconoscimento importante perché annovera il nostro sodalizio tra gli Enti che fanno “promozione sociale”. Le APS sono enti che svolgono la loro attività di interesse generale prevalentemente utilizzando l’apporto dei volontari associati; ciò che le caratterizza, quindi, sono le modalità organizzative. Le APS possono comunque avvalersi di lavoratori, che tuttavia non possono concorrere all’organizzazione dell’associazione in misura prevalente. Di conseguenza, l’organizzazione è in mano ai volontari.

LA FORZA DEI VOLONTARI PER OLTRE 10.000 LETTORI
Il Veses è composto solo di volontari che non percepiscono alcun compenso di carattere economico per l’attività svolta. Esiste però un qualcosa di grande valore che motiva tantissime persone di tutte le età, in particolare molti giovani, a far parte del Veses: l’orgoglio e la gratitudine di essere parte di questo Ente che da oltre vent’anni dà voce alla Valbelluna in una continua crescita di contenuti, interesse e cultura e amore per la propria terra. L’associazione oggi è composta da 55 soci e oltre 80 volontari, che realizzano tutti i mesi il mensile “il Veses – Finestre sulla Valbelluna” che, con una tiratura di 3.000 copie mensili, raggiunge un numero di circa 10.000 lettori al mese.

RICONOSCIMENTO GIURIDICO
Tante sono le associazioni “non riconosciute”, poche quelle che hanno ottenuto il Riconoscimento giuridico; da novembre 2022 anche il Veses. Non è stato un percorso semplice. Esso è iniziato ancora nel 2020 con la prima stesura dello statuto conforme al DL 117/2017, preparatorio per l’approvazione dello statuto redatto in forma pubblica (atto notarile) avvenuto il 25 giugno 2021. Da qui il cammino molto difficile per l’ottenimento della personalità giuridica riconosciuta, conclusosi con ancora un atto notarile che certificava una perizia patrimoniale giurata da parte di un professionista. È doveroso ringraziare i consulenti che ci hanno seguiti in questo percorso: il notaio Michele Palumbo, l’avvocato Maurizio Paniz, il commercialista rag. Oscar Maeran per la loro competente e generosa collaborazione.

UN ATTO CHE GUARDA AL FUTURO
L’Associazione l’ha fatto per guardare con serenità e fiducia al futuro. La personalità giuridica consente alle associazioni di avere un’autonomia patrimoniale perfetta, ovvero si determina la separazione del patrimonio dell’ente da quello dei soci, che agiscono in nome e per conto dell’ente. Questo significa che le responsabilità di tipo economico derivanti da attività svolte dall’associazione ricadono solo sull’associazione e non sui patrimoni delle singole persone che la compongono o degli amministratori. Abbiamo pensato alla continuità dell’Associazione mettendola “in sicurezza”, per facilitare i ricambi generazionali che verranno alla conduzione del sodalizio. Abbiamo pensato ai giovani che un domani (anche prossimo) prenderanno in mano l’Ente senza avere il rischio, in caso di problematiche, di dovere rimetterci il proprio patrimonio personale. In altre parole, l’Associazione risponderà ai terzi con il solo patrimonio sociale. E non è una cosa da poco! Ora possiamo guardare al futuro con ancora maggiore fiducia e consapevolezza nel prosieguo della nostra attività culturale, cominciata a Santa Giustina nell’anno 2000, ora a beneficio di tutto il territorio della Valbelluna.

Con questo rinnovato entusiasmo, auguriamo a tutti i nostri lettori, ai tanti inserzionisti che ci supportano con fedeltà, a tutti i collaboratori e soci volontari, al Comitato di Redazione al Direttivo ed anche a te, che magari ci leggi per la prima volta, buon Natale e un felice 2023: che sia un anno un pochino migliore di questo che ci lasciamo ormai alle spalle. Auguri di cuore.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.