800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al canton dei bekanot

Fadìga (sul rochèl)

Al canton dei bekanot

Fadìga (sul rochèl)

Ades anca i laori pesanti no i è pì come na olta, parfin la malta i la fa col frullatore e i la da su col spruzzatore! Altro sì che misiar te la careta e raspar sul fondo andé che al cimento al impàca, opur reoltarla par tera, ma che la fae al giro almanco tre olte, o al masimo co la pitumiera, ma guai che no la fae i balòt… e po’ scargarla tela cariola senza semenar, e po’ te la secia, e po’ te la cassa, e po’ te la talocia, e po’ te la cazola e po’… e po’ darla su, che sui sofiti l’era na vita grama, na fadiga bestia e an laoro sludro, tant che i veci i disea: «L’è meio star vesin a na vaca co la diarea, che an murador che smalta!».

Ades par stracarse andon in palestra, e par dimagrir andon a corer. E anca tei sport ghe n’è tute le tecnologie par no stirarse, no fruarse, no ciapar fret e no aver calt, no farse mal (par grazia) anca se te casca. Le è restade poche le atività che no fa sconti. La montagna (a piè), e la bici (a pedai) e… basta!

E stando in tema “biciclistico”, asème esaltar ‘sti eroi che ancora se permet de sudar frontadi sul manubrio, de asarghe la pèl (leteralmente) de spale, denoci e comedoi sule croste del asfalto, da scambiar co le croste dele broie. Acqua, sol, giaz o vent, crampi, schivanele, ramasoi sule curve masa butade, volate, traguardi e secondi robadi ai primi. Poesia dolorosa in medo a paesaggi incantadi, scrite sui mur e tornanti pieni de gente e bandierine, boracce ciapade, molade e pasade. La roda che gira co la pompa del cor, e ti che te pende contro al tempo, che al cor pì de ti.

E intant sta sfilada de colori e cartei,
ne fa veder le piaze e i cantoi quei pì bei,
in Francia o in Italia, su l’Aprica o al Pordoi,
scopron le beleze, tant ieri che ancoi.

Bicicleta preziosa, ades anca par siori,
ma da sempre dei poaret,
te ha portà le morose sul bachet,
e ades te tira i can co i so caret.
Te ha fat da staffetta, dala guera a … doman,
e te ha fat con noi tuta la strada, co se avea tanta fan.

Ades se godon, par al gusto de andar,
pian pian, quasi come… no se olese rivar,
parché presto sion fermi, par an fior o an osel,
o par far quatro ciacole co n’amigo incrosà
e ne par de poder, te sto viaz così bel,
ciorse al temp co sta amiga… se no casca al rochèl!

Bona pedalada a tuti!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.

Questo articolo sarà disponibile per la lettura online a partire da

31/05/2024

VUOI LEGGERLO SUBITO?

Corri in edicola ad acquistare l’ultimo numero de “il Veses”