800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al Canton dei Bekanot

Signora Memoria

Al Canton dei Bekanot

Signora Memoria
Signora Memoria - Immagine realizzata con Intelligenza artificiale generativa

Na not ho fat an sogno strambo (te sa come che le i sogni, i e strambi) che ho quasi riguardo a contarvelo, ma visto che sion tra de noi… vel conte. Mi ere an carabinier drio far a n posto de bloco su na strada de campagna. No l’era ne matina ne sera, no l’era ne piova ne sol, ne calt ne fret (te sà, sui sogni pol suceder de tut). An zerto punto vede na machineta che riva. Ostrega! L’e ore che spete e son quasi stuf, alora ho pensà: «Se no ferme questa ferme chi?!». Tire fora la paleta, me frache do al capel col frontin, e fae segno de oltar intro e de fermarse. La machina la se ferma. Me sgobe do quel che basta e varde dentro. Che guidea l’era na sioreta, no savarie darghe l’età, ben vestida, la parea tranquila e ghe dighe: «Documeti prego!». La signora la tira fora la patente, la me la dà e mi lede.

Nome: Memoria. Cognome: Passato. Residente in via “Presente”. Tire doi oci come panèt e varde la sioreta e ghe dighe: «Mi perdoni, signora, ma questi documenti sono falsi!». La sioreta, pacifica, la me risponde de no. «Ma vuole dirmi che lei si chiama Memoria Passato e risiede a Presente?!». «Sì», la risponde. «E dove sarebbe diretta lei, Signora Memoria?». «Ah! – la dis – in un posto bellissimo dove tutto è nuovo, ma, stia tranquillo, sono anziana, non vado sola, accompagno un sacco di giovani! Il posto si chiama Futuro». E la me spiega che sti doveni, senza la Signora Memoria che li compagna, no i savarie come che i se ciama, dove che i stà, no i se ricordarie quel che i ha studià, no i savarie dir ne chi che le so pare, ne so mare ne i sono noni. No i savarie quel che l’e giust e quel che le sbaglià. Quel che fa ben e quel che fa mal. Insoma no i savarie gnent e, visto che no i sa gnent, no i savarie dove ndar e cossa far, e dopo, prima de montar su in machina, la me varda e la dis: «Pensi lei come sarebbe se no mi avesse mai incontrato! Sarebbe stata una giornata senza nessuno, da solo e senza memoria! Ha ha ha… !!!» . La ciapa e ridendo la va via de corsa… Mi reste come an mona co la paleta te na man e la so patente te quel’altra.

Me sveie de colpo, son tut sudà, in sentòn sul let, al cor che bat… tasi, l’era an sogno, ma che brut… me palpe, zerche de calmarme. Proe a pensar chi che son, come che me ciame, da dove che vegne, dove che oi ndar doman. Tasi! Me ricorde tut, la memoria non la me e scampada via…

Auguri, Signora Memoria, mancenete pulito che avon bisogn de ti, se te ne scampa sarie an incubo! Fe pulito.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.