800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al Canton dei Bekanot

varda de no farte mal.

Al Canton dei Bekanot

varda de no farte mal.

No l’e tant al titolo de quel ches on drio scriver che conta, ma l’e al . (punto). Quante olte che me la son sentida dir da me pare, da me mare, da me nono sta frase: “Varda de no farte mal.” Gnanca punto esclamativo, punto, e basta. E dopo bastea la ociada che i te mandea, direta, precisa, semplice, la olea dir tut. No ocorea altre parole.

Po, te sa, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare… o meio: i bosch, la bicicleta, la giara, la forza de gravità, l’acqua del Piave o del Cordeol, la poca esperienza. E alora? E alora fee meio che podee: broje te i denoci par oto diese mesi al’an. Caviglie (o canucie come che me disea me nono) scavezade. Tai te le man. Risce sot la pel (una me la son cavada che avee passaà già i trenta ani). Scussade (abrasioni) dapartut. Bote sula zuca e bernocoi che durea quatro zinque dì. Ma in qualche maniera son ancora qua.

Ma un al se domanda parché che me gnest in mente de scriver de sta roba? L’ho scrita parché ho sentì an psicologo che parlea ala radio stamatina: «È bene che i ragazzi facciano attività di coordinamento sensoriale, che i genitori facciano da guida e da ispiratori dei loro figli affinché essi vivano in libertà le loro esperienze formative ed educative senza la loro protezione che potrebbe risultare dannosa ai fini dello sviluppo cognitivo e sociale del figlio… ecc… ecc… ecc…».

Figlio: « Mama vae…». Risposta: «Varda de no farte mal.» Punto, anzi Punto e ociada. Zinque parole. No ocorea altro. Dentro là ghe ne tut: pasienza, sapienza, amor, paura scondesta, fede t’en Dio poaret, ma forte tel cor. (punto)

Ciao, Fe pulito

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.