800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al canton dei Bekanot

Novembre

Al canton dei Bekanot

Novembre

Gèmmea l’aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore…

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. È l’estate,
fredda, dei morti.
(Giovanni Pascoli)

Me pias sta poesia de Pascoli. Me par che i pì bei versi sie i ultimi quatro parché ghe ne sto fato che in novembre pol far calt (l’ Istà de San Martin), ma ghe ne anca al fret. Calt e fret, come la vita e come la mort. Chi che ha pers la presenza de na persona cara al capis de cosa che son drio parlar. De quei che no ghe ne pì te resta i pì bei ricordi, ma te resta anca al dolor dela “NON presenza” che nol va via. Fursi al fa ncin manco mal, ma nol va via del tut. L’e come quele mace de erba che te te fea sule braghe quando che te era tosat. La mama la disea: “No sta maciarte de erba che no vien pì via!!!”. E l’e così par la vita, zerte mace no le va pì via. Ma veditu, no va via gnanca i colori che al bosc al ha a novembre. Quel gial, quel maron, quel vert no i smarìs. Ho doi carpen, an fagher, an bredol davanti a mi, intant che scrive. Penelade de vita intant che mor le foie. L’e come che la natura la ghe fae an regalo ala pianta e par che la ghe dighe: “Varda, te ha da spoiarte e te patirà ncin al fret e umido, ma te querde i piè con tapeto calt fat de mili colori. Polsete che l’istà pasada te ha laorà tant!” . La natura, come na mama. Madre natura. Perfeta. Vita e mort penelada de colori che serve a scaldarte al cor.

Me vien da dir che novembre l’e an mese che No esiste. Le al mese dei “No”. Intant al scominzia par “No” e dopo…: No le ncora fret, No le pì calt, No le pì istà, No l’e quasi pì autuno, No l’e ncora inverno, No l’e al mese dei vivi parché sarie al mese dei mort, No le gnanca la fin del’an e No l’e gnanca in medo.
Ho scrit 9 (nove) olte No. Novembre deriva da nove (9): tel calendario romano l’era al nono mese (varda ti No-No mese). E … No le gnanca al mese pì brut, come tute le robe, dipende da come che te le varda.

An saludo. Ste pulito!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.