800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al canton dei Bekanot

Vespe

Al canton dei Bekanot

Vespe

Quel’altra olta che se sion scriti avon parlà de zanzare (brute bestie). A mi ades me vien spontaneo contarve de an altro “arte” che l’è dapartut (pì de istà che de inverno), nol vola ma nol se ferma (quasi) mai. Al fa an rumor inconfondibile e al ha fat conoser al genio italiano tel mondo.

Son drio parlar dela Vespa:
la Zinquanta (per gli amici “al vespin”), che la fa an rumor proprio… da vespa (mee, meee, memeeeee);
l’ET3, bela, magra, quela blu co le fiancade co l’adesivo color aviazion… l’è la classica;
al PX, pì cicion, i fea anca al 150 che te podea fin andar in autostrada;
e dopo la PK e tuta la fameia de quele moderne… ma a mi me resta tel cor le prime.

Quanti ricordi… e quante bandine strisade ala prima sbrasada (o comunque cavade do parché “fea pì figo”, come che al motor al dovese andar de pì se al ciapea aria…). La me prima Vespa la ho comprada a diciasette anni, parché ho dovest guadagnarmela laorando de istà.

Son adiritura andat fin al mar co na me amiga, e me ‘l ricorde ancora ades par almanco doi motivi:
un l’era al budel tel cul (no so se rende l’idea…) che avee co son rivà. No me sentie pì gnanca i braz e le gambe (proa mo ti a far zento e pasa chilometri co na borsa coi sugaman in medo ale gambe e al zaino coi panet portà da quel dadrio?!!); l’altro l’era le man dela tosa che se tegnea a mi tele curve (no ghen era alternative) e le tete poiade tela schiena quando che te tochea frenar (quant frenar !!).

E po’… darghe an passaggio tele sagre a quele co le cotole e impenar sfrizionando, e montarghe la elaborazion co la marmitta Polini che la fea na bisaboa (e an casin che tochea meteghe l’isolante, e cavarla do par pasar la revision)….
La ho ancora, dopo quasi quaranta ani, pensa che la è una de quele targade “BL”; toca farghe la miscela aposta e ogni tant, par inpinzarla, toca penderla butando entro la seconda, parché la se ingolfa facile.

Ghe ho mes su anca al portapacchi (con ela ho portà de tut, dal sac de cimento ala motosega) e con quele doi rodete picenine son rivà dapartut, piova sol giaz o vent, la è stata la me seconda machina che no ho mai avest. An pèr de guanti e la siarpa (fin quando che no l’è gnest obligatorio al casco) e via andare, ciapando pochi rafredori parché son sempre a “temperatura ambiente”, senza tanti sbalzi o torcicollo da aria condizionata.

E ancora ades, co parchegge in centro a Belun fra an Suv e quel’altro, varde sta lamiera piegada a arte, sti fianchi tondi come quei de na bela tosa e al so fanal che fa tanta luce solo co te acelera e me sente orgoglioso co i me dis: Varda qua che l’è rivà al nostro “Bruno Vespa”!

Bone sgomade a tuti.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.