800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al canton dei bekanot

La Pausa

Al canton dei bekanot

La Pausa

Te sti tempi sempre incasinadi da qualcòsa (al vent co la piova, al virus, al russo…) l’è proprio al caso de dirlo che no ghen è pi pa§e (pace).
Me piasarie tant proar, te ste quatro righe fra de noi letori, a star an cin leggero, pì che pòse. E alora proe a vardarme atorno te la nostra piciola Val Belluna e insugnarme an cin de normalità. Me ho scoperto, te sti ultimi mesi, de eser content anca solo de poder andar in bicicleta co l’aria, ancora freda, sul muso e cantar a boca vèrta e senza man par sna§ar al vent (inveze che solo al me fià dadrio an fazolet)…

Me ha piasest andar a veder na partida, opur al cinema, e catarme insieme a tanti altri, quasi solo par al gusto de star insieme.
Pensa che ancoi me ho parfin godest a ‘ndar a magnar durante la pausa de meodì e scoprir de eser quasi in tanti (mai masa) e scoltar ulintiera an cin de cara, sana e vecia confusion, fra chi che sacramentea su par i paroni, su par al fret, al calt, la bisteca dura e i fioi che i fa danar.

Me par che sione in tanti che ha voia de smisiarse da sta gran pausa e che spera de tirar fora dal congelator (insieme ale bisteche par na bela grigliata coi parent) anca an poca de baldoria, an chilo de semenze matusèle, na sporta de matane e de sorisi da consumar insieme a chi che ne ol ben.

Saroe malà, o rincitrullì? Saralo i effetti collaterali de an vaccino andat de mal? No so e no me interesa. Tut quel che oi l’è sveiarme, sligarme, slongarme su ‘n pra e scampar dal sofà.

Me piasarie tant anca molar schermi e tastiere e tornar a scoltar e a parlarse par strada, ma anca e soprattutto tornar a cantar e a contar le storie belorie insieme a me sòci Mario e ala so chitara, sol par al piazer de chi che ol scoltarne.

Che se catone atorno a na tola, coi diese amighi pì cari, o su ‘n palco in piaza, o sot na tieda… oi poder riscominziar a sgranar emozion entro te le rime de na canzon, tornar a far fiorir pensieri e sorisi, batendo le man noialtri con voialtri. E intant che la musica la sona e a mi me par già de sentirla qua in sottofondo…

Chisà che sia vera, amighi e lettori,
in barba ale guere del gas e dei schei,
che morde e che magna fameie e putei,
che avone la forza de catar tut al bon
che ghen è, son segur, tel cor de ogni on.
Ades che l’è Pasqua, na resurrezion,
zercon de pensarse da andè che vegnon,
che ‘sto mondo al è bel, e par tuti ghen è,
tegnonselo stret co le man e coi piè,
e fon in maniera de pensarse ogni dì,
che al nostro futuro al dipende … da mi.

Bona Pasqua, con tut al cor.

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.