800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al Canton dei bekanot

tra 'na bala e quel'altra

Al Canton dei bekanot

tra 'na bala e quel'altra

Mese via le impreste dele feste, stusà le luci e spicà le balete. Lavà le mudande rosse e sciopetà i ultimi petardi (probabilmente da soli, in teraza), se sion fati i auguri de tute le sort. E ades?

Se riscominzia, dì par dì, se se ciama contenti de poder levar su e andar a laorar, o a scola, a far la spesa o, magari, al bar o al cinema. E te sti ultimi dì de ferie ho anca avest pì temp del solito par pensar…

PENSAR!!? Ma situ drio dir che? Intenditu dir doperar al zuc par zercar de capir? No se fa! No se usa pì! Dopo va a finir che te ha anca da aver na to idea e che magari a qualcheduni la pol anca urtarghe. Ma sgorlone!!? Eh sì. Proprio pensar. E satu a che? No te ghe credarà mai… ho ricordà co ‘n cin de nostalgia le sensazion proade quele olte che ho beest an pèr de ombrete de pì del solito. No ste pensar malamente, no oi istigarve an brut vizio (che tanti danni l’ha fat, e al fa, sopratutto su pai nostri monti) ma a quele alegrie che se porta drio al star insieme atorno an goto de quel bon.

Te scominzia quasi sempre par caso, par scherzo. An cicket, an taià de qualche sort con doi bagigi (par quei che se pensa, anca medo ovo col sal podea far caso). Se po la se sèra là, ben, ma se la compagnia la ciama al giro, te sta presto a catarte tela condizion dell’impinzà. E subito te gnen da rider pì facile, fin quasi spiritoso anca se de solito te se muson impiantà, che te ghe riva fin a scherzar co la cameriera che no te avarie mai olsà. A sto punto, se no te te tira via dal bancon, te entra tela fase acuta, e da là in avanti la pol girar tant da na banda che da che l’altra. E ti, doman, dificilmente te te ricordarà proprio tut tut…

Altro discorso l’è co te se co le gambe sot la tola, alora là no se parla pì de ombre, ma de solito l’unità de misura diventa… la bòza. E saia questa, e gusta st’altra, ma quel de l’an pasà l’avea pì grado, ma questa me lo porta me cugnà che al va do par le basse… Toca dir che tei me ani de gioventù son cascà pì de na olta ten tamai de sto tipo, e quei pì veci de mi, che fea girar la giostra, i ghen portea, come che se disea (e crede proprio che fuse vera) “pì tela panza che tela schiena”.

E quando che l’era ora de lavarse su, … jesummariamissignor che trotole! Sentadi do al calduz se stea ben che mai, ma in piè, pena che i liquidi i se spostea, te dovea decider in prèssa se andar de fora o andar al bagno… meio de tut, se te podea, l’era andar de fora… “al bagno”. Se po questo sucedea de inverno, ai polastri poc alenadi come che ere (e son), al siòk termico podea eser fatale e tradurse ten zac-e-tac in “tanti piccoli cagnolini (che in dialeto savè come che se dis…).

Da alora, fate le inevitabili “esperienze formative”, sion gnesti grandi in prèssa e avon imparà a tracanar manco e a sagiar, a gustar e a fermarse co l’e ora conservando al bel ricordo dele ciacolade sincere (pì sincere che coi savi) coi amichi che i ne ha iutà co se avea bisonch. Lori i ghen era co l’era ora de far festa e i è tornadi anca co l’era ora de eser omi, a insegnarme, tra na bala e l’altra, che avon bisonch de tut e de tuti, de eser seri ma anca an cin mati, sinceri sempre e boni… boni come an goto de bianco fermo, fresco e s’cèt. Cin cin!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.