800 038 499

Numero Verde gratuito

Email

info@ilveses.com

Al canon dei bekanot

E che cavolo!

Al canon dei bekanot

E che cavolo!

Son an cin inzavarià! Voi no? Ho caro par voi, ma ho tant manco caro par quei che mor, de qua e de là de an confin, de an mar, de an mur (del pianto, apunto). Me sente te an mondo de S’GIONFI, che se s’gionfa sempre de pì, produsendo par vender inveze che par viver, tante robe che serve a poc, o che serve a copar. Me vede te an mondo de VECI, che ha paura dei boce, che vive in ostaggio de an capriccio o na sgnafa, intant che i ostaggi i li tira do dale spese par an capriccio (de orgoglio). Me trove te an mondo andè che i “MAS’CI” i comanda su la vita, e la non vita, dei poaret, o dele femene, parché i se sent forti. Sti “OMI” (Vladimiri, Beniamini, Giambruni… Sòe-chi-mi), siori così poareti de tut, senza cor, senza amor, rispetto e, credo, cosienza.

Te vien altro che da dir: “E CHE CAVOLO!!”.
Avone bisonch de chi par capirlo? Al Papa i ghe dis tuti: “Bravo ! Parole Sante”, ma i lo scolta tant … come mi (o fursi apena an cin de pì). Ocoreralo mai che par capirlo? Na Pandemia? Fata. Na Guera? Fata, rifata e mai finida! An Miracol? Magari!! Ma, nostro Signor (e anca quel de quel’altri… parché alo da eser solo nostro?) al ne ha già asà scrit come farlo. Al ne ha dat l’inteligenza, la libertà, i sentimenti e an mondo che pì bel de così no i ghen ha ancora catàdi, ma noi… niente.

Sion zuc, mus, àseni, sordi, orbi… e insemenidi! E Lu l’è lasù (o lavia, o qua dadrio, o entro de mi e de ti) e me imagine che al ne varda (con an capuz in man) e al ghe dis a so Mare: «Pardio! Varda un po’ ti: co parle… no i me scolta, co i me scolta… no i capis, co i capis… i se desmentega. E CHE CAVOLO!!!».

Ades la ho fursi mesa do an cin dureta, no sarie al me caratere, ma l’è dificile far a finta de gnent. L’è anca vera che de omi e femene de bona volontà ghen è dapartut, ma no i è mai abastanza, soprattutto tei posti dove che se comanda.

Quindi, oleo che ve dighe che? Ston contenti e ston atenti, vardonse sul muso e dopo anca an cin pì a fondo, che avon sempre pì bisonch de olerse ben. O Signor! Me sa che dopo sta “predica” me tocarà firmarme “don Bruno”.
Pace e bene a tuti, e così sia… ECCHECCAVOLO!

Galleria Immagini

Acegli l’area tematica che più ti interessa oppure clicca sulla casa per ritornare alla Pagina Principale del sito.